Digitale, torna Dig.Eat in versione ‘diffusa’: dal 18 gennaio un mese di eventi in streaming

Appuntamento dal 18 gennaio al 12 febbraio 2021 per 30 giorni di appuntamenti in streaming con stakeholder ed esperti del settore pubblico e privato
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il maggiore evento d’Italia dedicato al digitale si trasforma un ‘racconto diffuso’ con un programma distribuito in 30 giorni di appuntamenti in streaming che coinvolgeranno stakeholder ed esperti del settore pubblico e privato. Il Dig.eat, organizzato da Anorc con il supporto organizzativo di Digital&Law Department, si terrà dal 18 gennaio al 12 febbraio 2021 su una piattaforma online costruita ad hoc e sarà come sempre gratuito.

La sua XIII edizione, dopo il successo dell’anno passato al Teatro Eliseo di Roma, ospiterà una serie di iniziative animate da esperti di rilevanza nazionale e addetti ai lavori, come ogni anno ispirato a un tema in grado di interpretare e sostenere il confronto critico e costruttivo sul percorso di digitalizzazione e privacy del Paese. Non a caso il tema di questa edizione sarà ‘C’era un volta‘ un leitmotiv preso in prestito dal mondo della narrativa per ribaltare le logiche stesse dello storytelling: passato, presente e futuro del digitale comporranno i tre momenti della narrazione del DIG.eat che si concentrerà sulla (vera) storia del Sistema Paese, per come l’abbiamo vissuta negli ultimi 15 anni e per come lo vivremo nei prossimi.

LEGGI ANCHE: Digitale, Anorc invia appello congiunto a Conte: “Tuteli patrimonio informativo pubblico”

La programmazione mensile si comporrà di un palinsesto di ‘eventi’, ciascuno dedicato a una tematica specifica: web conference, interviste, webinar e podcast e sarà preceduto da un ‘prequel’, ossia da una serie di eventi online che anticiperanno le tematiche al centro di questa edizione.

Per informazioni e preiscrizioni è attivo il seguente link: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-digeat-2020-cera-una-volta-95815581985

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»