Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il governo incontra i sindacati: “Reddito di cittadinanza e quota 100 saranno confermati”

"L'ascolto delle parti sociali è un metodo di lavoro che ho adottato sin dall'inizio", dice il presidente del Consiglio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ho accolto la vostra richiesta di un incontro urgente per discutere insieme a voi delle misure che riteniamo indispensabili per la crescita e lo sviluppo dell’economia italiana in vista della imminente manovra economica. L’ascolto delle parti sociali è un metodo di lavoro che ho adottato sin dall’inizio e che intendo proseguire. Il nostro obiettivo, infatti, è quello di remare insieme per il bene del Paese”. Lo dice il premier Giuseppe Conte, incontrando i sindacati a palazzo Chigi.

LEGGI ANCHE: Furlan, Barbagallo e Landini chiedono incontro urgente a Conte

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte, nel corso dell’incontro con i sindacati, ha fatto riferimento anche al “tema della sicurezza sul lavoro che è al centro dell’agenda di governo” e alla necessità di potenziare le misure in favore della prevenzione dei troppi incidenti sul lavoro.

GUALTIERI A SINDACATI: MISURE QUOTA 100 E REDDITO CONFERMATE

A quanto si apprende, nel corso della riunione a palazzo Chigi il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha assicurato ai sindacati che le misure quota 100 e reddito di cittadinanza saranno confermate.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»