Padri Trinitari, la 3a tappa del viaggio a cavallo: da Spinazzola a Castel Del Monte

CASTEL DEL MONTE – Spinazzola è una distesa di campi arati sotto un cielo azzurro. Questa mattina siamo in ritardo sulla tabella di marcia e l’itinerario prevede passaggi complessi, ma i ragazzi sono preparati e nessuno sembra preoccupato. Oggi affronteremo i 27 chilometri della terza tappa che da Spinazzola porta a Castel Del Monte. Cavalchiamo tutta la mattina e quando il sole è alto in cielo siamo alle porte di Castel Del Monte, ci fermiamo, carichiamo i cavalli sul camion e raggiungiamo l’agriturismo ‘L’altro villaggio’, gestito dai Padri Trinitari. Siamo ai piedi della fortezza del XIII secolo, fatta costruire dall’imperatore del Sacro Romano Impero Federico II sull’altopiano delle Murge occidentali in Puglia. Il tempo di mangiare e i ragazzi tornano in sella, si devono esercitare perché nel tardo pomeriggio si dovranno esibire in una serie di giochi medievali in costume. I cavalieri del circolo ippico ‘I cavalieri di Bianca Lancia’ li guidano passo passo, sono loro gli animatori di questa giostra. Finite le prove mettiamo i costumi d’epoca per salire al castello, quando arriviamo siamo l’attrazione del momento e i turisti, per la maggior parte tedeschi, sono sorpresi nel vedere questa atipica carovana che sembra venire da un altro tempo. Si mettono a fare così tante foto che per un momento il castello sembra solo un ottimo sfondo per quella miriade di scatti.  Torniamo verso l’agriturismo, è l’ora dello spettacolo, ma prima i saluti delle istituzioni, presenti anche alcune alte cariche dei Carabinieri. I cittadini di Castel Del Monte sembrano essere tutti qua tanto sono numerosi. I ragazzi sono sbalorditivi, fanno cose che sarebbero complesse per un normodotato con una disinvoltura impressionante, da queste cose si capisce il vero significato di diversamente abili. Non hanno limiti, solo abilità diverse da quelle a cui siamo abituati. Finito lo spettacolo equestre, i cavalieri di Bianca Lancia mettono in scena un combattimento in costume con asce, spade e scudi. Poi è l’ora delle ragazze che si esibiscono in balli tipici della zona. Un altro giorno è finito, la terza tappa completata, adesso il meritato riposo domani Matera.

 

 

18 Settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»