Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Uno show onirico inaugura il Fellini Museum di Rimini

show onirico fellini museum rimini
Il polo museale diffuso dedicato al grande regista aprirà i battenti domani con uno spettacolo dal titolo "Il maestro che camminava su pezzi di cielo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

RIMINI – Danzatori aerei, video proiezioni, macchine sceniche volanti e un grande schermo d’acqua: questo e tanto altro nella performance con cui domani Rimini inaugura il Fellini Museum, polo museale diffuso dedicato a Federico Fellini. Dalle 20.30, da domani fino al 22 agosto, per chi si ritroverà in piazza Malatestiana, tra Castel Sismondo e il Teatro Galli, sarà possibile assistere allo spettacolo, con due repliche, “Il maestro che camminava su pezzi di cielo”, con Monica Maimone e Valerio Festi, fondatori di Festi Group, realtà culturale che da anni unisce ricerca drammaturgica a innovative strumentazioni tecnologiche. “Lo spettacolo realizzato per Fellini Museum sarà un racconto per immagini volanti, proiezioni, acqua che si fa materia riflettente– spiega una nota dell’amministrazione- e una narrazione con la drammaturgia di Marco Maria Pernich che attinge anche a Tonino Guerra”. Intanto, sono già “sold out” le visite guidate gratuite al nuovo polo culturale, in programma dal 20 al 22 agosto.

Per il sindaco Andrea Gnassi l’apertura delle sale del Fellini Museum sarà un “invito al sogno” per riminesi e turisti. “Un cortocircuito di immagini e suoni che metteranno al centro memoria e materia viva del sogno felliniano, il suo cinema, riproposto in maniera inedita e originale”. Ai visitatori sono proposte “cinque ore e mezzo di materiali audiovisivi, più della metà frutto di estratti da film e documentari ottenuti- ricorda- grazie agli accordi raggiunti con le grandi case di produzione”. Gnassi sottolinea come tutto sia il “frutto di un lavoro intenso, lungo e corale che ci ha messo nelle condizioni di mettere in dialogo i film con un repertorio audiovisivo unico”. Si offrirà dunque una “sorta di laboratorio dell’immaginazione aperto e dinamico in cui, attraverso sedici stanze, ognuno potrà rivivere il sogno e la magia-conclude- come in un film”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»