Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Afghanistan, scatta la vendetta dei Talebani: arrestata governatrice e distrutta statua leader Hazara

AFGHANISTAN
Salima Mazari, governatrice di un distretto Hazara, è stata arrestata dai talebani: nessuna notizia sulle sue condizioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le milizie dei talebani avrebbero distrutto la statua di un leader sciita della comunità degli Hazara contro il quale avevano combattuto durante la guerra civile che ha colpito il Paese tra il 1992 e il 1996, stando a immagini e video circolate sui media e rilanciate dalla stampa locale e internazionale. I miliziani, secondo quanto riportato da alcune ong della comunità, come Hope Hazara, avrebbero anche arrestato una governatrice di un distretto centrale appartenente a questo gruppo etnico, Salima Mazari, nota per la sua resistenza ai miliziani.

SALIMA MAZARI

Il monumento che sarebbe stato distrutto raffigurava Abdul Ali Mazari, combattente ucciso dagli stessi talebani nel 1995 o nel 1996, fonti divergono sulla data del suo decesso, e si trovava nella provincia centrale di Bamiyan. La zona era balzata agli onori della cronaca nel 2001 per ragioni simili. In quell’anno i talebani, che erano ancora al potere nel Paese, distrussero due enormi statue di Buddha scavate nella pietra ed edificate 1500 anni prima. Ieri Hope Hazara e alcuni cronisti locali avevano riferito sui social dell’arresto di Mazari, governatrice, pure hazara, del distretto di Charkint, provincia centro-settentrionale di Balkh. Di lei si erano perse le tracce da due giorni, stando a fonti concordanti.

La zona di Balkh è nota per essere stata una roccaforte della resistenza ai talebani. L’anno scorso, stando a quanto riportato in un reportage pubblicato su di lei dal quotidiano The Guardian, Mazari aveva costretto alla resa un centinaio di miliziani. Se queste notizie venissero confermate, si tratterebbero dei primi atti contrari a quanto dichiarato ieri in conferenza stampa dal portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, che ha detto che i miliziani “non si vendicheranno contro chi ha combattuto contro di loro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»