Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bonaccini: “Green pass? Io lo metterei anche sui luoghi di lavoro”

stefano bonaccini
Il governatore dell'Emilia-Romagna ha le idee chiare: "È giusta la libertà individuale, ma senza contrasto alla pandemia sanitaria si rischia una pandemia economica e sociale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Io sarei favorevole al green pass anche sui luoghi di lavoro“. Lo dice chiaro e tondo Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna, ospite questa mattina di ‘Morning News’ su Canale 5. “La premessa- aggiunge il governatore- credo che dovrebbe essere quella di una legge che metta d’accordo le parti sociali, come siamo abituati almeno dalle mie parti, mettendo a sedere sindacati e associazioni imprenditoriali come fu fatto nel protocollo che oltre un anno fa permise di riaprire i luoghi di lavoro”.

Secondo Bonaccini, occorre “garantire la tutela delle persone a non ammalarsi, perchè è giusta la libertà individuale ma dobbiamo sapere che il non contrasto alla pandemia sanitaria porta il rischio di una pandemia economica e sociale“. Quindi, insiste il presidente dell’Emilia-Romagna, “mi auguro che le parti trovino un accordo per trattare tutti alla stessa maniera e per garantire che ci difendiamo da questo virus, che ha già fatto troppe vittime”.

“SERVONO ANCHE TAMPONI GRATIS PER GLI STUDENTI”

Col green pass a scuola si è fatto “un passo avanti”. Ma servono comunque le vaccinazioni e i “tamponi gratuiti, soprattutto per gli studenti” aggiunge Bonaccini a ‘Morning News’ su Canale 5. “Io avrei esteso la vaccinazione obbligatoria anche al personale scolastico– ricorda Bonaccini- ma col green pass si fa comunque un passo avanti“. Va anche detto, sottolinea il presidente, che “quasi il 90% del personale scolastico si è vaccinato, dimostrando grande senso civico e rispetto per gli altri. E li ringrazio”.

Ma insieme al green pass, avverte Bonaccini, “servirà fare anche i tamponi soprattutto per gli studenti, il più possibile, oltre a vaccinarli“. Tamponi gratuiti? “Per la scuola assolutamente- risponde il governatore- perchè dobbiamo evitare che al primo focolaio chiuda tutta la classe o addirittura l’intera scuola. Abbiamo detto che la didattica a distanza vogliamo rimanga un ricordo”.

“I CAMPER PER VACCINARSI IN VILLEGGIATURA STANNO FUNZIONANDO”

I camper per vaccinarsi in vacanza stanno funzionando. Tanto che “registriamo addirittura genitori che vengono portati dai figli” a fare il siero anti-Covid, racconta Bonaccini. “Noi stiamo mandando camper in tutti i luoghi di villeggiatura per vaccinarsi senza prenotazione- ricorda Bonaccini- e stiamo registrando addirittura genitori che vanno coi figli e vengono portati dai più giovani a fare il vaccino perchè, scettici, non lo avevano ancora fatto”.

Quindi, esorta il governatore, “investiamo su questo e sull’uso del green pass, che da solo non risolve tutto ma risolve tanto”. Del resto, sottolinea Bonaccini, “senza le vaccinazioni oggi saremmo a discutere di zone rosse, non del passaggio solo di due regioni in zona gialla, perchè staremmo di nuovo chiudendo tutto quello che con tanti sacrifici abbiamo riaperto. Quindi il primo messaggio è vaccinarsi, perchè è l’unico strumento che abbiamo per combattere la pandemia”. E aggiunge: “Non so cos’altro debba accadere per convincere le persone a vaccinarsi e a tutelarsi“.

“BRAVI I SINDACI CHE SI SONO FATTI AVANTI PER ACCOGLIERE I RIFUGIATI AFGHANI, MA L’EUROPA BATTA UN COLPO”

Il governatore Stefano Bonaccini plaude i sindaci dell’Emilia-Romagna che già ieri si sono detti disponibili ad accogliere i rifugiati afghani. Lo dice questa mattina, ospite di ‘Morning News’ su Canale 5. “Adesso la priorità delle priorità è garantire corridoi umanitari e soccorsi– afferma Bonaccini- ho visto con grande piacere nella mia regione sindaci, non solo di una parte politica, che hanno dato disponibilità ad accogliere coloro che da quel Paese riescono o riusciranno a venire via. È di nuovo la dimostrazione di una terra, l’Emilia-Romagna, che ha grande capacità di accoglienza e senso democratico”.

Quanto accaduto in Afghanistan, aggiunge Bonaccini, “meriterà riflessioni approfondite, perchè non è andata a finire come ci si auspicava. L’Occidente avrà da riflettere. E poi certamente bisogna che l’Europa batta un colpo, anche nel rapporto con gli Stati Uniti”, sostiene il presidente della Regione Emilia-Romagna.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»