Spopola in Senegal la serie ‘Infideles’ ma l’ong Jamra querela: “Oscena, induce all’adulterio”

L'esposto è stato parzialmente accolto: non potrà più andare in onda prima delle 22.30 e sarà catalogata come vietata ai minori di 16 anni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Ricorso sistematico alla menzogna, fornicazione disinibita, violenza, arroganza e volgarita’.
Secondo l’organizzazione non governativa senegalese Jamra, queste sono solo alcune delle caratteristiche della serie televisiva di successo ‘Infideles’ (Infedeli). Caratteristiche che hanno spinto l’ong e altre 48 tra associazioni e personalita’ a presentare un esposto al Conseil national de regulation de l’audiovisuel (Cnra) di Dakar, l’ente che si occupa di disciplinare la trasmissione di contenuti televisivi, per proibirne la messa in onda.

La querela e’ stata parzialmente accolta, e adesso la serie televisiva, prodotta dalla casa di produzione locale Evenprod e trasmessa sul canale Sen tv, non potra’ piu’ andare in onda prima delle 22.30 e sara’ catalogata come vietata ai minori di 16 anni. Oltre a questo, passaggi di alcune puntate dovranno essere rivisti e modificati. La decisione del Cnra ha quindi premiato gli sforzi di Jamra.

Il vicepresidente dell’organizzazione, Mame Moctar Gueye, ha detto alla stampa locale che “questa serie con scene scioccanti promuove la fornicazione e l’adulterio e dice che avere degli amanti va bene”. Gueye ha quindi salutato con soddisfazione le limitazioni imposte dal Cnra, osservando che le autorita’ “hanno confermato che si trattava di pornografia verbale e linguaggio osceno”.

La crociata contro “infedeles” non e’ la prima nella storia di Jamra. L’anno scorso, l’ong porto’ avanti per ragioni simili una campagna contro la serie, ritenuta femminista e diventata preso un fenomeno sociale in Senegal, ‘Maitresse d’un homme marie’ (Padrona di un uomo sposato).

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»