È morto Cesare Romiti, storico manager della Fiat

Aveva 97 anni, fu il braccio destro dell’avvocato Gianni Agnelli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – E’ morto Cesare Romiti, aveva compiuto da poco 97 anni. Imprenditore e grande manager, la sua storia è indissolubilmente legata alla Fiat di cui fu Ad e presidente. A Torino arriva nel 1974, dopo essersi affermato lavorando per istituti bancari e aziende di rilievo. Due anni dopo diventa amministratore delegato di Fiat in un momento di grave crisi per il settore petrolifero. All’azienda sarà legato per oltre vent’anni, divenendo il braccio destro dell’avvocato Gianni Agnelli.

MATTARELLA: “SCOMPARE UN PROTAGONISTA DI UNA CONTROVERSA STAGIONE DEL CAPITALISMO ITALIANO”

“Scompare con Cesare Romiti un importante protagonista di una impegnativa e controversa stagione delle relazioni industriali e del capitalismo italiano, in presenza di profonde trasformazioni dei mercati internazionali e di spinta a modifiche negli assetti del nostro Paese. Amministratore di importanti imprese, recò al gruppo Fiat la sua esperienza di uomo della finanza, contribuendo a consolidarne la presenza nel settore automobilistico e a diversificarne le attività. Ai suoi familiari esprimo sentimenti di partecipazione al lutto che li ha colpiti”. Lo dice il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

ROSATO (IV): “MANAGER CAPACE, PARTE DI STORIA INDUSTRIA ITALIANA”

“Addio a Cesare Romiti il manager che ha riportato in alto la Fiat, che ha contribuito a scrivere pagine importanti dell’economia italiana”: lo scrive su Facebook il presidente di Italia Viva, Ettore Rosato. “Un uomo dal carattere forte, una persona capace- sottolinea Rosato- con lui se ne va un pezzo di storia dell’industria italiana”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»