Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Calenda accetta scommesse: “Se si fa il governo Pd-M5S sarà Renzi a farlo cadere”

"Combattere per far cambiare posizione al Pd è oramai inutile. Direi una sonora sconfitta" scrive su twitter Calenda
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Cosa succede se si fa il Governo con M5s: “Renzi prende il tempo per far fuori Zingaretti o farsi il suo partito, resta fuori dal Governo, fa cadere il Governo appena raggiunto uno dei due obiettivi, la scusa sarà che la sinistra si sta grillinizzando. Accetto scommesse”. Così Carlo Calenda in un tweet.

LEGGI ANCHE: Governo, Renzi: “Andando a votare condanniamo l’Italia alla recessione”

In un altro cinguettio, il parlamentare europeo aggiunge: “Per completezza: darà ok a governo di legislatura ma quando lo dovrà far cadere dirà che lui all’inizio aveva parlato di governo istituzionale di 6 mesi e che la colpa è della ‘ditta’”.

LEGGI ANCHE: Calenda: “Se il Pd apre al M5S fondo un nuovo partito. Renzi? Ha perso la faccia”

“E comunque- propone Calenda- la decisione di fare un governo politico di legislatura tra il M5s e il Pd è una decisione che dovrebbe essere sottoposta a consultazione con gli elettori. Tutti i candidati alle primarie hanno escluso questa possibilità”.

LEGGI ANCHE: La scissione spaventa, il Pd dell’Emilia Romagna avvisa Calenda: “L’avversario è Salvini”

“Dopo presa di posizione di Prodi e ‘defilamento’ di Gentiloni direi che oramai la maggioranza a favore del Governo con i 5S è prossima all’unanimità. Le ragioni della mia contrarietà le ho esposte. Continuare la battaglia non ha più senso. Attenderò gli eventi”. Lo scrive su Twitter Carlo Calenda.

LEGGI ANCHE: ‘Operazione verità’ di Calenda, tutti i voltafaccia Renziani sul M5s

“Farò quello che ho detto se si manifesterà l’accordo”, continua riferendosi all’annuncio dei giorni scorsi di lasciare il Pd e fondare un Movimento. “Ma combattere per far cambiare posizione al Pd è oramai inutile. Direi una sonora sconfitta”, ammette.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»