Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Elezioni in Mali, Kyenge: “Denunciare brogli a Corte Costituzionale”

ROMA - Dopo la pubblicazione dei risultati delle elezioni presidenziali in Mali, l'appello di Cécile Kyenge, capo della missione di
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo la pubblicazione dei risultati delle elezioni presidenziali in Mali, l’appello di Cécile Kyenge, capo della missione di osservazione Ue nel Paese, intervistata dall’Agenzia Dire, è a denunciare eventuali brogli alla Corte costituzionale.

“Se ci sono state delle frodi, sia la maggioranza che l’opposizione devono prendere tutte le prove e portarle davanti alla corte costituzionale” afferma Kyenge, rispondendo a una domanda sulle proteste dell’opposizione innescatesi subito dopo la pubblicazione dei risultati ufficiali, che hanno consegnato al presidente Ibrahim Boubacar Keita una vittoria schiacciante, con il 67% circa dei voti.

“La missione di osservazione delle elezioni in Mali è stata la più complicata che abbia mai guidato- confessa Kyenge- ma almeno il voto non ha subito spostamenti e le elezioni si sono tenute, malgrado gli scontri tra etnie e la presenza di gruppi armati nelle regioni di Gao e Timbuctù”.

Soddisfazione è stata espressa dall’europarlamentare per l’esito della missione: “Devo dire che le nostre richieste relative alla trasparenza sono state tutte rispettate dalle autorità maliane- afferma Kyenge- anche se c’è ancora molta strada da fare”.

“Il Mali è uno dei partner africani più importanti dell’Unione Europea- prosegue l’ex ministro dell’integrazione- con la crisi che imperversa in tutto il Sahel, il Paese rappresenta un nodo fondamentale: se il Mali non tiene, è tutta l’area che rischia il tracollo. Per questo il Paese ha bisogno di istituzioni forti”.

L’Unione Europea è il primo finanziatore del Paese africano: ogni anno, secondo dati citati dalla Kyenge, Bruxelles versa a Bamako oltre 400 milioni di euro.

Nell’ambito della missione di osservazione dell’Unione Europea, 100 persone provenienti da tutti i Paesi membri dell’Ue e da Norvegia, Canada e Svizzera hanno monitorato 440 seggi elettorali.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»