Il Comune di Venezia si illumina di giallo e rosso dopo l’attentato di Barcellona

A mezz'asta per gli attentati in Spagna anche le bandiere di Ca' Farsetti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – A mezz’asta per gli attentati in Spagna anche le bandiere di Ca’ Farsetti: la facciata del palazzo, sede del Comune di Venezia, sarà illuminata questa sera e nei prossimi giorni di giallo e rosso.

L’odio non ci piegherà: Venezia è vicina a Barcellona e alle vittime innocenti di questi folli attentati terroristici”, ha twittato nella notte il sindaco Luigi Brugnaro, che ha continuato a seguire costantemente gli aggiornamenti di quanto accaduto.

“Massima solidarietà a Barcellona- è poi tornato a ribadire il primo cittadino oggi -: la comunità internazionale unita si deve impegnare per sconfiggere questi malvagi a cui non interessa nulla della vita, della dignità umana e del rispetto per gli altri. Un atto così brutale deve impegnarci a costruire, con sempre maggiore determinazione, un’Europa dei popoli, della gente per bene, unita contro ogni forma di terrorismo e che difenda la libertà e il sorriso”.

“Dolore e sgomento per l’ennesima strage compiuta dalla crudeltà dell’integralismo islamista”, ha dichiarato a sua volta la presidente del Consiglio comunale veneziano, Ermelinda Damiano.

“Non possiamo rimanere in silenzio di fronte a questa follia, che insanguina ancora una volta il cuore della nostra Europa. Solidarietà alla Spagna, al suo popolo e alle vittime di tutte le nazionalità cadute nel vile attentato di Barcellona”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»