Cala la cassa integrazione a luglio, -26,9% sul 2014

Secondo l'Inps
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

lavoro operai fabbricaNel mese di luglio 2015 il numero di ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate è stato pari a 52,4 milioni, in diminuzione del 26,9% rispetto allo stesso mese del 2014 (71,7 milioni). E’ quanto ha fatto sapere oggi l’Inps in una nota. Soddisfatto per i numeri, tramite Twitter, il premier Matteo Renzi: “Dati Inps su cassa integrazione sono segnale che finalmente le cose cambiano #italiariparte”.

Secondo l’Inps, in particolare, i dati destagionalizzati, calcolati per le sole componenti Ordinaria e Straordinaria, evidenziano nel mese di luglio 2015 rispetto al mese precedente una variazione congiunturale pari a -8,7%. Il primo maggio 2015 è entrata in vigore la “Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego” (NASpI), che sostituisce le indennità di disoccupazione ASpI e mini ASpI. Pertanto le domande di prestazione che si riferiscono ad eventi di disoccupazione involontaria verificatisi entro il 30 aprile 2015 continuano ad essere classificate come ASpI o mini ASpI, mentre le domande che si riferiscono ad eventi di disoccupazione involontaria verificatisi a partire dal 1° maggio 2015, sono classificate come NASpI.

Nel mese di giugno 2015 sono state presentate 5.422 domande di ASpI, 2.482 domande di mini ASpI e 109.071 domande di NASpI. Nello stesso mese sono state inoltrate 219 domande di disoccupazione e 5.476 domande di mobilità, per un totale di 122.670 domande, il -29,3% rispetto al mese di giugno 2014 (173.477 domande). Sulla forte contrazione delle domande presentate a giugno 2015 incide il fatto che il numero di domande di NASpI è ancora parziale, trattandosi dei primi mesi di entrata in vigore della nuova prestazione.

L’Inps ricorda che le prestazioni per la disoccupazione involontaria ASpI e mini ASpI sono in vigore dal 1° gennaio 2013. Pertanto le domande che si riferiscono ad eventi di disoccupazione involontaria verificatisi entro il 31 dicembre 2012 continuano ad essere classificate nell’ambito della disoccupazione ordinaria, mentre le domande che si riferiscono ad eventi verificatisi a partire dal 1° gennaio 2013 e fino al 30 aprile 2015, sono classificate come ASpI e mini ASpI.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»