hamburger menu

Dopo i sindaci, anche i Rettori scrivono a Draghi: “I giovani hanno bisogno di Lei”

La lettera del presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane: "Gli studenti hanno bisogno di esempi da seguire e di riferimenti da ricordare"

18-07-2022 16:19
PNRR, RIUNIONE DELLA CABINA DI REGIA
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “Caro presidente Draghi, in questi giorni sono diversi gli appelli affinché lei possa rimanere in carica. Tanti i gesti di stima da parte dei leader di tutto il mondo e i messaggi per mano dei rappresentanti delle istituzioni e delle imprese. Temo però che, in questo coro, quasi del tutto unanime, la voce più debole sia quella delle tante ragazze e dei tanti ragazzi che, dalle aule universitarie, vivono questa ennesima vicenda con rassegnazione“. Comincia così la lettera firmata da Ferruccio Resta, presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (Crui), indirizzata al premier dimissionario nei giorni della crisi di governo.

Resta, rivolgendosi a Draghi e parlando degli studenti universitari, sottolinea: “Non li sentirà, probabilmente non li vedrà scendere in piazza. Non perché non abbiano un’opinione a riguardo, ma perché ipotizzo non abbiano né la voglia né l’interesse di assecondare i giochi della politica. Ne hanno viste tante negli ultimi anni. Con la pandemia hanno vissuto momenti di grande incertezza. A loro dobbiamo restituire la fiducia nel futuro. Fornire modelli positivi”.

LEGGI ANCHE: Meloni sull’appello dei sindaci a Draghi: “Istituzioni usate senza pudore”

Per il presidente della Crui, ciò che occorre è “garantire stabilità e una mano ferma alla guida di un’Italia stanca delle logiche di partito, provata dalla crisi economica, intrappolata in un eterno presente che la rende del tutto incapace di guardare al bene delle prossime generazioni. Perché è di questo che stiamo parlando: è il momento della responsabilità, del giudizio, della coerenza, della fatica e dell’onestà. Valori che siamo sicuri siano al centro delle sue riflessioni”, rimarca il Rettore nella lettera a Draghi.

La lettera prosegue: “Caro presidente Draghi, l’università ha bisogno di lei. Per questo vogliamo farle avere un rinnovato messaggio di stima e allo stesso tempo una richiesta di aiuto: la formazione, la ricerca e soprattutto le giovani studentesse e i giovani studenti del nostro Paese hanno bisogno di esempi da seguire e di riferimenti da ricordare“.

LEGGI ANCHE: Il Pd contro Meloni: “Vuole zittire i sindaci? Non sono dei podestà”

“Un’ultima riflessione. Grazie ai fondi del Next Generation Eu – ricorda Resta – stiamo mettendo in sicurezza un bene prezioso, quello della conoscenza. Stiamo lavorando per aumentare il diritto allo studio, per rimettere in ordine i percorsi di carriera accademica, per ridurre il divario di genere e quello geografico e sociale, per impegnare la ricerca verso le grandi sfide tecnologiche e ambientali, per renderla più permeabile e vicina ai bisogni di innovazione delle imprese e della società … in breve, per restituire all’università quel ruolo che le spetta di diritto all’interno di un Paese moderno e civile, quello di essere uno straordinario ascensore sociale, indispensabile per uno sviluppo sostenibile e inclusivo. È un momento positivo, di grande slancio. Non permettiamo ai venti della politica di cambiarne la rotta. Una barca senza timone va alla deriva”.

LE ASSOCIAZIONI: “SCONGIURARE LA CRISI”

Un appello al presidente del Consiglio Mario Draghi e alle forze politiche che l’hanno sostenuto affinché venga scongiurata una crisi di Governo, giunge da associazioni, movimenti e organizzazioni della società civile che esprimono “profonda e sincera preoccupazione per la crisi di governo appena aperta”. Lo firmano Acli, Arci, Azione Cattolica Italiana, Confcooperative, Cnca, Fuci, Gruppo Abele, Legambiente, Legacoop Sociali, Libera, MeiC, Movimento Politico per l’Unità, ma il documento è aperto ad altre sottoscrizioni.

LEGGI ANCHE: Berlusconi e Salvini chiudono al M5S: “Mai più con loro, pronti alle elezioni”

Aldilà delle differenti valutazioni che vi possano essere su responsabilità ed operato degli attori in campo, “riteniamo che la drammaticità del momento e le tante domande di dignità della società non abbiano bisogno di una crisi perché ne uscirebbero ancora più compromesse”, scrivono le sigle della società civile. “Ne pagheremmo tutti le conseguenze, soprattutto chi già è o sarà più colpito dal convergere, in una tempesta perfetta, di più crisi lontane dall’essere risolte – avvertono – come la guerra globale, l’esodo dei rifugiati e di tanti poveri, l’inflazione e l’esplosione delle diseguaglianze, la pandemia e le devastazioni conseguenti alla crisi climatica e alle violenze sull’ambiente. Il tutto mentre nel nostro Paese crescono in modo preoccupante poteri criminali, corruzione e mafie”.

Per questo “chiediamo al presidente del Consiglio, Mario Draghi e alle forze politiche che l’hanno sostenuto di trovare prontamente una composizione delle differenti posizioni“, scrivono le associazioni. “Non si tratta di minimizzare la realtà o ignorare le differenze: la democrazia è anche conflittualità non violenta tra posizioni spesso divergenti – sottolinenao le sigle della società civile – La politica ha il compito di attraversare il conflitto per trovare la migliore soluzione, le elezioni non sono comunque lontane a venire ma in questo momento ci sono molti cantieri aperti (Pnrr, Decreto semplificazioni, misure urgenti per i redditi bassi, crisi energetica) e le troppe urgenze dettate dal bene comune reclamano che le conflittualità siano gestite e trovino rapidamente un’intesa”. Noi, concludono, “porteremo avanti nella società, con sempre maggior impegno, le nostre istanze e le nostre proposte di cambiamento economico e sociale, ma ora una crisi non serve a nessuno”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-07-18T16:19:22+02:00