Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, è allarme per bocconi avvelenati sparsi in città: cani, gatti e bambini in pericolo

L'allarme lanciato da Aidaa - Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente: "Cittadini esasperati per emergenza rifiuti, sindaca pulisca la città"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “E’ allarme bocconi avvelenati per le strade di Roma, dopo il caso delle colonie di via Berti nel quartire di Monte Mario dove nelle ultime due settimane avvelenati 3 cani, sono morti 2 piccoli cinghiali ed un numero imprecisato di gatti presenti nelle due colonie di Via Berti, si moltiplicano le segnalazioni di ritrovamento di bocconi avvelenati per le strade della capitale con rischi sempre più alti di avvelenamento di cani e gatti”. Cosi’ in una nota l’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente AIDAA.

“Da quanto ci è dato sapere – viene spiegato- molti cittadini che sono esasperati dalla presenza di colonie di topi e altri animali attirati dall’immondizia e pensano di risolvere la questione spargendo veleno per le strade della città senza rendersi conto che cosi mettono in pericolo la vita di cani, gatti e di tutti gli altri animali ma anche quella dei bambini che possono raccogliere ed infilarsi in bocca il veleno facendosi del male”.

“Per questo- conclude AIDAA- chiediamo a tutti di evitare di buttare veleno per le strade ma sopratutto alla sindaca di Roma di pulire in maniera definitiva la città per ‘evitare il moltiplicarsi di queste situazioni'”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»