Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

“A Teramo non manca la gnocca”: bufera su Sgarbi per spot sessista con sindaco Giulianova

sgarbi
L'ira della Pezzopane: "Le parole sono pietre e diventano l'anticamera della violenza. Dove sono le voci femminili di destra?"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sui social diventa un caso il video-spot su Giulianova fatto da Vittorio Sgarbi con il sindaco della cittadina Jwan Costantini durante il quale i due si scambiano sorrisi e battute mentre il critico d’arte parla di fidanzate sparse nella Regione (“Ascoli, Teramo e anche in piccoli paesi”). Sgarbi aggiunge: “Quello che non manca a Teramo è…la gnocca”. Insomma, uno spot che molte donne stanno denunciando come “sessista”.

Dal Partito democratico interviene indignata la deputata abruzzese del Pd, Stefania Pezzopane, componente l’ufficio di presidenza del Pd a Montecitorio. “È vergognoso – commenta – il video in cui Vittorio Sgarbi e il sindaco di Giulianova Costantini fanno volgari e offensive esternazioni sulle donne d’Abruzzo. Sono rappresentanti di Parlamento e Comune, dovrebbero rappresentare anche le donne e tutelarne la dignità. Sono scorribande inaccettabili, improprie per degli adolescenti, figuriamoci per chi dovrebbe rappresentare i cittadini e più in generale il Paese. Come donna e democratica sono sdegnata. Come minimo Sgarbi e Costantini dovrebbero scusarsi. Ma vorrei che anche le nostre colleghe di destra, colleghe di Sgarbi e Costantini, intervenissero in dissenso e a tutela dei nostri diritti e della nostra dignità. Dove sono le voci femminili di destra? Ritengono anche loro, come Sgarbi e Costantini, che le donne abruzzesi e teramane siano apprezzabili per le ‘virtù’ esaltate dai due? Le parole sono pietre e diventano l’anticamera della violenza se vanno a spegnere la forza, la fatica, la tenacia delle nostre battaglie e delle nostre conquiste. Non c’è nulla da ridere quando esponenti di istituzioni si esprimono così, c’è solo da respingere questa arretratezza e patologica discriminazione sessuale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»