Dal Policlinico di Modena 500mila euro per premiare il personale

Il bonus sarà più elevato per chi ha lavorato nei reparti Covid
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

MODENA – L’Azienda ospedaliero-universitaria di Modena stanzia 500.000 euro di fondi propri da distribuire al personale per premiarlo dell’impegno nell’emergenza Covid. E’ di qualche giorno fa un’ipotesi di accordo coi sindacati per la distribuzione dei fondi ai dipendenti sulla base delle ore di straordinario effettuate alla data del 30 aprile, in piena crisi da coronavirus. Con l’intesa saranno premiate tutte le categorie del comparto, personale sanitario, tecnico e amministrativo, sulla base di criteri che tengono conto del diverso livello di responsabilità professionale e del maggior impegno prestato nella gestione della crisi. Il bonus, che si va ad aggiungere a quelli previsti dalla normativa statale e dagli accordi regionali e aziendali del mese di maggio, verrà erogato con lo stipendio di luglio, senza che il dipendente debba farne richiesta.

“Non è una distribuzione di denaro a pioggia- commenta il direttore amministrativo, Lorenzo Broccoli- ma di una intesa modulata sul grado di responsabilità dell’operatore nella gestione della crisi. Per questo motivo il premio sarà più elevato per il personale che ha lavorato nei reparti Covid rispetto a quello che si è impegnato negli altri reparti. La diversa pesatura del bonus è per noi importante perché vuol dare l’idea di come tutti, ciascuno secondo il proprio ruolo, abbiano contribuito a questo sforzo comune”.

Per l’azienda, conclude, “è uno sforzo importante che vuole dare un segnale di vicinanza e supporto al proprio personale che in questi mesi difficili è stato la linfa della nostra organizzazione”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»