Autonomia, la Lega perde la pazienza: “Se il M5S vuole un minestrone il vertice è inutile”

Così la ministra agli Affari regionali Erika Stefani: "Sono disponibile a tutte le trattative purché sia chiaro l'obiettivo da raggiungere"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Adesso c’è questa polemica sull’impianto finanziario per cercare di stravolgere quel che si è cercato di costruire. Io sono disponibile a tutte le trattative purché sia chiaro l’obiettivo da raggiungere. Se si vuole creare un minestrone dove tutti parlano di tutto tanto vale parlare di autonomia al bar invece che ad un vertice”. Lo ha detto la ministra agli Affari regionali Erika Stefani, a margine di un convegno dell’Upi, riferendosi alla riunione prevista domani a Palazzo Chigi sull’autonomia regionale.

LEGGI ANCHE: Ue, Salvini: “M5s-Pd già governano insieme”. Di Maio replica: “Su voto a Leyen Lega mente agli italiani”

“Chiedo ai colleghi di governo che capiscano cosa significa ‘autonomia’ perchè se vogliono parlare di decentramento amministrativo allora parliamo della Bassanini. Sull’autonomia bisogna essere convinti dell’obiettivo”, sottolinea l’esponente leghista.

LEGGI ANCHE: L’ira di Di Maio: “Salvini attacca il M5S per coprire le inchieste sulla Lega”

“Quel che chiedo al vertice di domani è di avere un metodo di lavoro. Ci sono dei temi politici ai quali occorre dare le risposte, se si vogliono trovare delle soluzioni si trovano, se non c’è questa volontà non si troveranno mai”, conclude.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»