Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Confcooperative Sanità: “Pubblico e privato insieme per costruzione nuovo welfare”

medici_braccia
Intervista a Mario Sacco, vicepresidente FederazioneSanità Confcooperative
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://youtu.be/5tIxtLwe0KIROMA – “Il mio compito è seguire l’intersettorialità, che è un campo importantissimo per Confcooperative. E’ qui che dobbiamo fare squadra al fine di lavorare insieme alle altre realtà che gravitano nel settore della sanità e attuare un miglioramento nella filiera del welfare e nel campo della salute”. Lo ha dichiarato Mario Sacco, vicepresidente FederazioneSanità Confcooperative in occasione dell’Assemblea generale che si è svolta a Roma. “L’intento è perseguire la costruzione di un progetto in cui siano partecipi tutte le cooperative- ha proseguito Sacco- Facendo un esempio, il Piemonte oggi possiede un 25% delle strutture e dei presidi socio-sanitari gestiti da cooperative sociali. Alla luce di questo dato, ma più in generale, credo si possa creare una rete di riferimento sul territorio che dia quei servizi di assistenza primaria e domiciliare che sono alla base dell’impegno di Federazionesanità Confcooperative”. “Per il prossimo quadriennio- ha concluso Sacco- l’obiettivo è avere un rapporto pubblico-privato che consenta al pubblico di uscire da una incapacità d’investimento e al privato di poter partecipare alla costruzione di questo nuovo welfare”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»