Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Napoli, sabato riapre la funicolare centrale: prima corsa alle 12.30

Ha una media di 28mila utenti al giorno e 10mila nei festivi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Riapre sabato 22 luglio con la prima corsa al pubblico delle 12.30 la Funicolare Centrale di Napoli. Lo storico impianto di trasporto a fune inaugurato per la prima volta il 28 ottobre 1928, viene riconsegnato alla città dopo 11 mesi di lavoro, 1000 interventi complessivi, 120 tecnici specializzati impegnati sul cantiere tra ingegneri, operai e manutentori Anm e di ditte esterne tra stazioni appaltanti e subappaltanti. Sono questi i numeri di una macchina organizzativa complessa che ha portato a compimento il lavoro nel rispetto dei tempi e degli obblighi di legge in tema di sicurezza previsti dal Dpr 753/80 e dalla normativa specifica per gli impianti a fune. L’esecuzione dei lavori è stata affidata al raggruppamento temporaneo di imprese Leitner (costruttore dell’impianto) e Sacmif, aggiudicatari della gara di appalto del valore di 7.131.483 euro (escluso Iva).

Con i suoi 1.234 metri di tratta, la Funicolare Centrale é uno degli impianti a fune urbano tra i più importanti al mondo per lunghezza, efficienza e capacità di trasporto. Dei quattro gestiti dall’Azienda Napoletana Mobilità il più giovane insieme a quello di Mergellina ma anche il più frequentato con 28mila utenti che in media lo utilizzano ogni giorno, 10mila nei giorni festivi. Sabato alle 10 è prevista una corsa inaugurale con partenza dalla stazione di P.za Fuga alla presenza del sindaco di Napoli Luigi de Magistris, l’assessore ai Trasporti Mario Calabrese, l’Amministratore Unico dell’Azienda Napoletana Mobilità Ciro Maglione, il Presidente della Commissione Trasporti Nino Simeone, i Presidenti delle tre Municipalità interessate.

Collegamento strategico per la città e i turisti, la Funicolare Centrale è un gioiello dell’architettura liberty che con questo intervento viene restituito alla pubblica fruizione “più bello, sicuro e confortevole”. Oltre alla revisione e ristrutturazione completa delle carrozze e della sala macchine e della sala di controllo e comando, i lavori hanno interessato anche il recupero integrale delle opere civili con il rinnovo delle sala di attesa e della sala macchine, la sostituzione dell’argano e dei motori, di tutta la componentistica e impiantistica di rete. Infine, l’introduzione di tecnologie per la sicurezza (con sistema wireless), per l’informazione alla clientela e per la movimentazione il controllo e la gestione dell’impianto. L’impianto rinnovato è stato sottoposto ai collaudi ministeriali e ottenuto il nulla osta tecnico del ministero delle Infrastrutture e l’autorizzazione del Comune di Napoli riprende quindi il regolare esercizio.

di Carmen Credendino, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»