Gonfalone d’argento alla satira del Vernacoliere

FIRENZE - "Nella Toscana dei cento campanili, delle insanabili rivalità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Mario_CardinaliFIRENZE – “Nella Toscana dei cento campanili, delle insanabili rivalità secolari, delle disfide tra contrade e rioni, c’è una persona che sembra essere riuscito a mettere un po’ tutti d’accordo. È Mario Cardinali, che con il suo Vernacoliere da 55 anni fa ridere, sorridere e riflettere le toscane e i toscani“. È stato Francesco Gazzetti, consigliere regionale livornese, ad aver scritto, e letto al momento della consegna, le motivazioni che hanno portato l’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale, e in particolare del presidente Eugenio Giani, che ha manifestato da subito una “volontà decisa e determinata”, a conferire il Gonfalone d’argento al direttore del foglio satirico conosciuto in tutto il mondo.

“Il Consiglio regionale si propone di valorizzare l’identità della Toscana e identità significa espressione di quello che è un nostro valore peculiare: la satira”, ha dichiarato il presidente Giani. “Nel XX secolo la realtà forse più rappresentativa della satira è proprio il Vernacoliere – ha aggiunto-. Il riconoscimento che diamo a Mario, espressione ormai di qualcosa che dalla cronaca è diventato storia, è per la componente peculiare di quella parte fondamentale della nostra identità che ci rende riconoscibili nel mondo”. Il Vernacoliere, ha aggiunto, “è tra le espressioni culturalmente più autentiche, felici e feconde di cosa significa la caricatura, la battuta, la voglia di quella goccia di umorismo che è poi fiducia nella vita”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»