In Veneto poche donne in età fertile, nascite in calo

VENEZIA - Nel 2015 in Veneto sono nati 38.961
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GravidanzaVENEZIA – Nel 2015 in Veneto sono nati 38.961 bambini, ovvero il 20% in meno rispetto al 2008. Il che vuol dire che il quoziente di natalità è passato da 10,1 nati per mille abitanti nel 2008 a 7,9 nati per mille abitanti nel 2015.

“Il calo delle nascite interessa in misura maggiore le province di Belluno e Treviso, mentre Rovigo ha il tasso di fecondità più basso del territorio”, fa sapere la Giunta regionale, che commenta i dati prodotti dal Sistema statistico della Regione Veneto. La diminuzione del numero di nati dipenderebbe da fattori “strutturali, come la conclusione della vita riproduttiva delle donne nate nella fase del baby boom di metà degli anni 60”, il che significa che ora la riproduzione è affidata “alle generazioni successive di donne, che sono meno numerose“.

Ma ci sono anche dei fattori legati alla situazione sociale contemporanea, come “il mercato del lavoro”. Il tasso di occupazione delle madri è infatti “sistematicamente più basso di quello delle donne senza figli“, il che mette in evidenza la scarsa considerazione per la necessaria “conciliazione familiare” del mercato del lavoro. Nel prossimo decennio, si spera, le cose potrebbero cambiare per l’affacciarsi del periodo di massima fertilità delle donne nate durante il trend di crescita degli anni novanta e duemila”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»