hamburger menu

Berrettini in finale al Queen’s, battuto anche Van De Zandschulp

Il tennista romano in finale troverà il serbo Filip Krajinovic

matteo berrettini

ROMA – Matteo Berrettini è in finale al Queen’s, a difendere il primo “500” vinto l’anno scorso. Il numero 10 del ranking mondiale, numero due del seeding londinese, ha battuto in semifinale l’olandese Botic Van De Zandschulp, numero 29 Atp e già certo di centrare il suo best ranking alla fine del torneo. Berrettini ha vinto in due set, 6-4 6-3, senza mai dare la sensazione di poter mancare l’obiettivo, pur sprecando molto.

Il tennista romano in finale troverà il serbo Filip Krajinovic. Il numero 48 del ranking Atp ha battuto nell’altra semifinale del torneo londinese il croato ex numero 3 del mondo Marin Cilic, in due set: 6-3 6-3. Per Berrettini si tratta della decima finale Atp, la quinta sull’erba, dove ha vinto 19 degli ultimi 20 match giocati (32 su 38 in carriera). Si tratta, inoltre, della quarta finale consecutiva: dal 1990 ci sono riusciti solo Novak Djokovic, Andy Murray e Andy Roddick e meglio hanno fatto solo Sampras e Federer. tra Filip Krajinovic e Marin Cilic.

Berrettini ha vinto 19 delle ultime 20 partite sull’erba.

“HO VINTO IL MIGLIOR MATCH DELLA SETTIMANA

“E’ incredibile, sono davvero contento. E’ stato un match molto duro, con l’interruzione per la pioggia. Ho avuto tante occasioni, ma forse ho giocato il miglior match di questa settimana e ora sono convinto di poter fare molto bene in finale”. Così Matteo Berrettini, appena conquistata la finale al Queen’s.

VEZZALI: “BERRETTINI FACCI SOGNARE

“Nemmeno la pioggia ferma il nostro Berrettini che ha raggiunto la finale al torneo ATP Queen’s, già conquistato l’anno scorso a Londra. Matteo facci sognare e regalaci la seconda vittoria dopo quella della scorsa settimana a Stoccarda”. Lo scrive su twitter la sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali, aggiungendo l’emoji con le dita incrociate per il tennista romano.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-06-18T19:17:03+02:00