Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Torna il ‘Marche Pride al grido “Ama chi sei, ama chi vuoi”

pride_gay
Tra le rivendicazioni anche il sostegno al Ddl Zan come strumento indispensabile per il riconoscimento e il contrasto da parte di fenomeni discriminatori e violenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Torna il ‘Marche Pride’, sabato 26 giugno alle 17 in piazza Cavour ad Ancona. Lo annuncia il comitato che come slogan per questa edizione ha scelto, tramite concorso social, ‘Ama chi sei, ama chi vuoi‘.

Numerosissime sono state le richieste da parte di associazioni, collettivi e delle persone che chiedevano a gran voce il ritorno in presenza della manifestazione politica più grande e colorata della nostra regione– spiegano i portavoce del comitato che si batte per i diritti delle persone Lgbtqia+-. Scenderemo in piazza nel pieno rispetto della normativa a contrasto della diffusione del Covid-19. Sarà pertanto richiesto ad ogni partecipante di indossare correttamente la mascherina, di igienizzare spesso le mani e di mantenere il distanziamento personale per tutta la durata dell’iniziativa”.

Come in passato non mancheranno musica, colore e divertimento che accompagneranno gli interventi dei rappresentanti delle associazioni sostenitrici della causa. Tra queste Agedo, Gap Urbino, Arcigay Agorà Pesaro Urbino, Arcigay Comunitas Ancna, Esna, Rebel Network, Teekanne e Uaar Ancona. “Ad aiutare nella conduzione dell’iniziativa- concludono- ci sarà un’ospite speciale”.

Contestualmente al lancio della manifestazione il comitato rinnova l’invito ai cittadini a fare delle donazioni per permettere la realizzazione dell’iniziativa (www.marchepride.it). Tra le rivendicazioni del documento politico del comitato anche il sostegno al Ddl Zan (già approvato dalla Camera dei deputati ed ora approdato al Senato della Repubblica) come strumento indispensabile per il riconoscimento e il contrasto da parte dello Stato dei fenomeni discriminatori e violenti dettati da misoginia, omolesbobitransfobia e abilismo.

LEGGI ANCHE: ‘MarcheInVita’: 80 spettacoli dal vivo per la rinascita dei luoghi colpiti dal sisma del 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»