Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tribunale di Bruxelles ordina ad AstraZeneca di consegnare 50 milioni di dosi all’Unione Europea

vaccino AstraZeneca
Se l'azienda farmaceutica inglese non rispetterà gli accordi, dovrà pagare una penale di 10 euro per fiala non erogata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Alessio Pisanò

BRUXELLES – Il Tribunale di primo grado di Bruxelles ha ordinato oggi all’azienda farmaceutica AstraZeneca di consegnare 50 milioni di dosi di vaccino anti-Covid entro il 27 settembre 2021 agli Stati dell’Unione Europea.

Le dosi sovrano essere consegnate secondo un programma vincolante che prevede 15 milioni di dosi entro il 26 luglio, altri 20 milioni di dosi entro il 23 agosto e infine, 15 milioni di dosi al 27 settembre. In caso di mancato rispetto dei termini di consegna, AstraZeneca dovrà pagare una penale di 10 euro per dose non erogata.

Questa decisione fa riferimento alle misure cautelari adottate dai Paesi Ue contro AstraZeneca in seguito a una “grave violazione dei suoi obblighi contrattuali con l’Ue”. Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha dichiarato che “questa decisione coincide con la posizione della Commissione in quanto AstraZeneca non ha mantenuto gli impegni contrattuali”.

LEGGI ANCHE: Magi: “Medici di Roma pronti ad assumersi la responsabilità sulla seconda dose con AstraZeneca”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»