NEWS:

Catania, al polo De Nicola-Ferraris i vincitori dei Giochi regionali della Chimica

L'istituto rappresenterà la Sicilia alla competizione nazionale che si terrà a Roma

Pubblicato:18-06-2021 16:23
Ultimo aggiornamento:18-06-2021 16:24

giochi della chimica
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

CATANIA – Samuele Sanfilippo e Riccardo Di Salvo sono gli studenti del polo tecnico ‘De Nicola-Ferraris’ di San Giovanni La Punta (Catania) che hanno vinto i Giochi regionali della Chimica in Sicilia. La competizione, patrocinata dal ministero dell’Istruzione ed organizzata dalla divisione di didattica Chimica della Società Chimica Italiana (SCI), ha visto partecipare, quest’anno, 4mila studenti e studentesse di tutta Italia.

“I partecipanti alla selezione in Sicilia– spiega Giuseppina Ferrara, docente referente dell’istituto catanese- sono stati più di 260. Questa volta, in modalità online, a causa dell’emergenza sanitaria. Oltre Samuele e Riccardo, hanno gareggiato altri sei ragazzi del nostro biennio e si sono classificati tutti con un buon punteggio”.

Samuele, al V anno del corso di Meccanica, Meccatronica ed Energia, si è classificato al primo posto della graduatoria della classe B, riservata ai trienni: “Sono molto soddisfatto– dice- avevo addosso la tensione della maturità. Mi preoccupava non riuscire a gestire il tempo a disposizione, in contemporanea studiavo e preparavo l’elaborato per il maxi-colloquio”. Lo studente che il 24 giugno sosterrà gli esami di Stato, nel 2018 si era classificato al primo posto a livello nazionale: “Dopo 3 anni, in autunno, ritornerò a Roma per le gare nazionali. Era stata una bellissima esperienza, spero che saremo in presenza, stare nella stessa aula insieme agli altri partecipanti è più coinvolgente ed emozionante”.


Riccardo Di Salvo si è classificato, invece, al primo posto nella graduatoria regionale della classe A e frequenta la classe II B, indirizzo Informatica: “La gara è stato un momento emozionante. All’inizio, ero teso, ma affrontando i test mi sono reso conto che conoscevo le risposte. È stato anche un modo per verificare le nostre conoscenze in chimica”. Samuele proseguirà gli studi in Scienze e tecnologie chimiche all’Università di Torino: “La passione per la chimica– interviene- è nata a scuola, prima non sapevo nemmeno che cosa fosse, il merito è anche, e soprattutto, della professoressa Ferrara che ci ha saputo guidare in questi anni”. “È una disciplina che mi piace da sempre– aggiunge Riccardo- da bambino giocavo a fare il piccolo chimico. Alle superiori ho iniziato a studiarla e ad approfondirla fino ad arrivare alle regionali. Non mi aspettavo di classificarmi al primo posto, anche se ho studiato tanto”.

Uno studio quotidiano per i ragazzi, potenziato dalle lezioni pomeridiane online in collegamento con la loro insegnante. “A volte ci collegavamo anche il sabato– conclude Giuseppina Ferrara- è stato un anno complicato a causa del Covid-19, i test sono piuttosto complessi, si basano su tutta la chimica inorganica, con accenni su quella organica. Samuele ha un livello più alto rispetto al gruppo ed ha studiato da autodidatta, ma dovevo portare i ragazzi del biennio ad una buona preparazione e ci siamo affidati alla Dad”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy