Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Roma la sinistra farà una lista unitaria: “Sarà definita a luglio”

sinistra_roma
Agostini: "Per dare voce agli sfruttati, ai diseredati e a chi si sente solo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La sinistra romana presenterà una lista unitaria alle prossime elezioni per il Campidoglio. Articolo 1, sinistra Italiana, sinistra per Roma e èViva si riuniranno sotto un unico simbolo e un programma condiviso. “Dopo l’appello del 9 giugno, che sta vedendo sempre più sottoscrizioni, vogliamo aprire un percorso che ci porti ai primi di luglio a definire la lista con nome, simbolo e profilo programmatico– ha spiegato Adriano Labbucci, segretario dell’area metropolitana di Roma di sinistra Italiana- Vogliamo costruire una lista di sinistra che abbia un suo tratto distintivo rispetto ad altri soggetti della coalizione e svolgeremo a partire dal 24 giugno 4 incontri tematici su patrimonio, economia, lavoro, diritto all’abitare, transizione ecologica e beni comuni“.

L’obiettivo è ambizioso: “Essere la lista più votata della coalizione dopo il Pd, raccogliendo un numero di voti pari se non superiore all’area moderata che si riconosce in Carlo Calenda- ha spiegato il segretario romano di Articolo 1, Piero Latino- in modo da consentirci al secondo turno un ragionamento che porti alla vittoria il centrosinistra nel segno di un’ispirazione progressista”.

Per riuscirci bisognerà allargare ancora di più il campo dei partecipanti: “Quelle che si stanno per celebrare sono le primarie del Pd- ha proseguito Labbucci- Siano tante le candidature della sinistra presenti in questa competizione e attraverso questa lista unitaria vogliamo dire loro che la costruzione di una lista unitaria di sinistra e’ possibile anche dentro le primarie. Le nostre porte sono aperte anche a Liberare Roma e al comitato che si raccoglie intorno alla figura di Giovanni Caudo“.

LEGGI ANCHE: Caudo rilancia lo stadio della Roma e l’unione Ama-Acea (con l’aiuto di Marino)

E non solo: “Sappiamo che i Verdi presumibilmente presenteranno una loro lista- ha continuato Latino- ma fino all’ultimo insisteremo per una loro presenza in questo soggetto unitario perché ci consentirebbe di avere ancora di più delle ambizioni importanti”. Per andare oltre la classica coalizione di centrosinistra: “Il Pd non si è fatto carico dei quello spirito coalizionale necessario per entrare dentro l’anima della città- ha detto Riccardo Agostini, segretario regionale di Articolo 1- In questo modo si può arrivare al ballottaggio ma forse si perdono le elezioni. Da qui la necessità di mettere in campo una lista unitaria per dare voce agli sfruttati, ai diseredati e a chi si sente solo. Perché una vittoria della destra farebbe mettere in discussione tante cose della sinistra romana. Combatteremo casa per casa per fare in modo che questa lista abbia il consenso necessario per fare quelle politiche che per lunghi anni sono state sottovalutate”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»