La Cina cancella i debiti dei Paesi africani e promette ospedali anti-Covid

Xi: "Quando avremo il vaccino, il continente sarà il primo beneficiario"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – La Cina ha deciso di cancellare tutti i debiti a interessi zero che i Paesi africani hanno contratto, e che avrebbero dovuto restituire entro fine anno. La decisione e’ stata annunciata dal presidente Xi Jinping nel corso di un summit che si e’ tenuto ieri in videoconferenza con i capi di Stato e di governo dell’Africa, per discutere l’impatto che l’epidemia di Covid-19 sta avendo dal punto di vista sanitario, economico e sociale nel continente.

Durante l’Extraordinary China-Africa Summit on Solidarity Against the Covid-19 Pandemic, il presidente cinese si e’ detto pronto a fornire assistenza ai Paesi piu’ colpiti, costruendo ospedali e inviando esperti. Dosi di un vaccino anti-coronavirus saranno inoltre messe a disposizione “in modo prioritario ai Paesi africani” non appena il preparato sara’ stato ultimato. Xi ha quindi incoraggiato banche e istituti finanziari cinesi a intavolare “serene consultazioni” con quei Paesi “per elaborare accordi per prestiti commerciali con garanzie dello Stato”.

La Cina, ha assicurato il presidente, “lavorera’ con le Nazioni Unite, l’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms) e gli altri partner per aiutare l’Africa a rispondere all’emergenza Covid-19, e lo fara’ rispettando la volonta’ degli Stati”. Pechino si e’ assunto infine l’impegno di costruire il quartier generale dell’Africa Centre for Disease Control dell’Unione Africana ad Addis Abeba, la capitale dell’Etiopia. Pechino aveva gia’ annunciato l’intenzione di posticipare la restituzione dei debiti da parte dei Paesi a basso reddito, una misura che riguarderebbe 77 Stati di cui fanno parte anche Paesi africani.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»