In Basilicata nasce il ‘Giardino di comunità’, hub per l’educazione e l’innovazione digitale

IL progetto é messo in campo dall'Università della Basilicata, con il nuovo Polo bibliotecario di Potenza, la Biblioteca comunale per l'infanzia di Potenza, UniversoSud e il Consorzio ConUnibas
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

POTENZA – Uno spazio emozionale in cui la cultura e la conoscenza diventano strumenti di inclusione e di aggregazione per i cittadini, ospitando spazi a loro dedicati. È il Giardino di comunita’, il progetto messo in campo dall’Universita’ della Basilicata, in collaborazione con il nuovo Polo bibliotecario di Potenza, la Biblioteca comunale per l’infanzia di Potenza, UniversoSud e il Consorzio ConUnibas.

Presentato oggi a Potenza, l’obiettivo del progetto e’ la realizzazione di un hub per l’educazione, la sperimentazione e l’innovazione digitale, in grado di favorire la nascita di esperienze d’impresa culturale, digitale e creativa. Corsi e iniziative culturali creeranno luoghi di incontro e partecipazione che ospiteranno momenti di formazione legati alla lettura al teatro e al mondo digitale.

“La collaborazione tra le biblioteche della citta’ che si uniscono con l’obiettivo comune di aprirsi ai quartieri e al territorio, promuovendo momenti di partecipazione e di confronto culturale con fasce di potenziali lettori che solitamente non utilizzano o non conoscono i servizi bibliotecari, rappresenta il punto di partenza per diffondere l’idea della cultura partecipata e stimolare l’attivismo civico”. Cosi’ Laura Scrano, referente di ateneo per il progetto, Domenico Pierangeli e Franco Claps, presidente e uno dei componenti della Biblioteca centrale di ateneo. Le prime attivita’ inizialmente saranno rivolte ai soli abitanti dei quartieri di Macchia Romana e Rione Lucania e saranno aperte a tutta la cittadinanza in formato digitale. Un questionario conoscitivo destinato ai cittadini del capoluogo, predisposto dal Polo Bibliotecario di Potenza, sara’ somministrato on-line, per capire le loro esigenze e attivare ulteriori nuovi servizi che siano di gradimento e coinvolgano l’intera comunita’ comunale.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»