La Ferrari riparte e Leclerc ‘sveglia’ Maranello con il rombo della Sf100

Il pilota stamattina è uscito dall’officina Classiche- proprio dal cancello da cui passò Enzo- e ha fatto un giro per Maranello. Riparte così la stagione di Formula 1 della scuderia Ferrari
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

MODENA – Con il rombo della SF1000 guidata da Charles Leclerc che risuona a Maranello, è ripartita la stagione di Formula 1 della scuderia Ferrari. A tre mesi e mezzo dall’ultima giornata di test sulla pista di Barcellona, 110 giorni fa, è stato riacceso il motore della SF1000 che si è mossa partendo dall’officina Classiche, nel cuore della stabilimento storico di Maranello, proprio dove un tempo anche il reparto corse aveva la propria sede. Il pilota monegasco, dunque, è uscito dallo stesso cancello che Enzo Ferrari varcò nella giornata del 12 marzo 1947 con la prima vettura che portava il suo nome: la 125 S.

Leclerc ha proseguito nel suo percorso sfilando davanti al museo di Maranello, altra meta fondamentale degli appassionati nella quale è possibile ammirare alcune delle più belle Ferrari costruite dall’azienda in 73 anni di storia. Leclerc, il primo pilota dell’era moderna ad aver guidato una vettura di Formula 1 sulle strade di Maranello, ha concluso la propria esibizione imboccando via Gilles Villeneuve e dirigendosi alla pista di Fiorano, che ha tenuto a battesimo tutte le Ferrari stradali dal 1972. Il tutto verso il 3 luglio, quando in chiave ‘ripartenza’ si terranno le prime prove libere del gran premio d’Austria.

Il video postato su Twitter dalla FanPage di Charles Leclerc:

 

 

Commenta lo stesso Leclerc: “Non sono uno che ama alzarsi dal letto all’alba ma questa mattina c’era un ottimo motivo per farlo. Forse abbiamo svegliato qualcuno ma è stato bello guidare sulle strade di Maranello la SF1000. È stata una grande emozione poter tornare in macchina oggi e soprattutto farlo su un tracciato così particolare. Rientrare nell’abitacolo mi ha fatto sentire come essere di nuovo a casa”. Aggiunge il pilota: “Ci è sembrato un modo bello e divertente per dire che siamo pronti a tornare in pista. Adesso non vedo l’ora di poter guidare la SF1000 in Austria”.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»