Coronavirus, Omceo Roma: “In autunno ‘pandemia’ per la salute mentale dei medici”

"Adesso ancora immersi in turnazioni stressanti, dopo servira' sostegno psicologico"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  “I nostri colleghi se hanno bisogno di aiuto lo chiedono. Al momento i medici sono ancora immersi nella gestione della pandemia, ma in autunno dovremo invece aspettarci un aumento di richieste di sostegno” psicologico. A dirlo e’ Maria Rosa Scalise, coordinatrice della commissione ‘Salute Mentale’ dell’Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri (Omceo) di Roma e provincia, nonche’ coordinatrice del gruppo di lavoro ‘Curiamo chi cura e rischia la vita‘, formato da 85 psichiatri e psicoterapeuti attivi dai primi di aprile. “I medici che hanno lavorato nell’emergenza stanno continuando a farlo, sia nell’ambito Covid che post Covid, con turnazioni anche di due volte al giorno”. Scalise e’ iscritta “a vari gruppi di supporto e i colleghi piu’ attivi parlano soprattutto di turni difficili e stressanti. Anche coloro che si sono ammalati”. La tendenza, quindi, nella tenuta psicologica degli operatori sanitari in questi ultimi mesi “e’ stata quella di tenersi le paure per se’- spiega la consigliera Omceo Roma- per questo motivo condivido l’allarme lanciato i primi di maggio dal direttore generale dell’Oms: la vera pandemia sara’ quella futura e riguardera’ la salute mentale“.

Secondo la psichiatra, infatti, “con il calo dei contagi e il ritorno ad una ‘pseudo normalita” i medici potranno iniziare a condividere le paure vissute nei mesi dell’emergenza, l’ansia di morte e di veder morire le persone”. Ad oggi la Fnomceo fa sapere che i medici deceduti per Coronavirus sono stati circa 170 a livello nazionale. “Davvero tanti- commenta Scalise- ed e’ difficile per un collega vedere che tra i medici caduti nel corso dell’epidemia di Covid-19 c’erano persone che conosceva. La pandemia e’ un evento fortemente stressante, a cui seguira’, come da nosografia psichiatrica, un disturbo post traumatico da stress causato anche dal continuo confronto con la morte. Queste problematiche verranno a galla quando finira’ la vera emergenza e iniziera’ una vita piu’ o meno normale. L’Omceo Roma e’ attrezzato per affrontarle- conclude la consigliera- e spero che il gruppo di lavoro rimarra’ attivo per tutto il 2020″.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»