VIDEO | Il neuropsichiatra: “Ritorno alla normalità più difficile per bimbi e ragazzi”

L'equipe multidisciplinare dell'IdO offre in questo periodo di emergenza delle consulenze gratuite
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  “In questa fase di riapertura stiamo vedendo delle manifestazioni comportamentali molto diverse tra loro. Nella famiglia che ha saputo mantenere una struttura organizzativa della giornata e delle attività durante il lockdown si sta rivedendo una lenta ripresa della normalità. Invece, nella famiglia che non è riuscita a gestirsi nell’organizzazione vediamo reazioni contrarie, con bambini e ragazzi che hanno difficoltà a uscire e a rivivere una situazione di normalità che ancora, purtroppo, non è tale”. Lo dichiara alla Dire Andrea Pagnacco, neuropsichiatra e psicoanalista dell’Istituto di Ortofonologia(IdO).

Il medico ha poi evidenziato un aspetto che ha aiutato genitori e figli a mantenere uno stile di vita simile a quello normale nella fase acuta della pandemia: “La scuola ha ricoperto un ruolo importantissimo– spiega- lì dove è riuscita a far funzionare le videolezioni della didattica a distanza con regolarità e a invogliare la partecipazione degli alunni”.

L’equipe multidisciplinare dell’IdO offre in questo periodo di emergenza delle consulenze gratuite e mette a disposizione numerosi video tutorial per le famiglie di bambini e ragazzi affetti da disturbi globali e specifici dello sviluppo, disagio scolastico e psicologico, attraverso lo sportello ‘Ido con voi’ attivato nell’ambito della task force del ministero dell’Istruzione in collaborazione con la Società italiana di Pediatria (Sip). Per avere maggiori informazioni e’ possibile scrivere all’indirizzo riabilitazioneminori@ortofonologia.it o tramite Whatsapp o sms al numero: +393450391519.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»