VIDEO | Ndrangheta, 18 arresti per traffico di droga da Brasile e Albania

L'operazione si é svolta a Vibo Valentia, in provincia di Firenze e in altre città italiane e rientra nella maxi inchiesta contro la ndrangheta denominata Rinascita-Scott
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


REGGIO CALABRIA – 18 misure cautelari, di cui 11 in carcere e 7 divieti di dimora, sono stati emessi oggi dal Gip di Catanzaro su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro in prosecuzione della maxi inchiesta contro la ndrangheta denominata Rinascita-Scott.
L’attivita’ di oggi, eseguita dai carabinieri, si e’ svolta a Vibo Valentia, in provincia di Firenze e in altre citta’ italiane. L’accusa e’ di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti: le attivita’ delittuose avrebbero coinvolto oltre 60 persone, tutte indagate nello stesso procedimento. Secondo gli inquirenti si tratta di un vero e proprio cartello dedito al traffico di droga che si approvvigionava attraverso canali riconducibili al Brasile e all’Albania. Complessivamente, nel corso dell’attivita’ investigativa, poi culminata nell’operazione Rinascita Scott, sono stati sequestrati in tutta la provincia di Vibo Valentia un chilo di cocaina, 81 chili di marijuana e 3.952 piante di canapa indiana, 25 chili di hashish, 89 grammi di eroina, 11 grammi di funghi allucinogeni e 27 pasticche di ecstasy.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»