VIDEO | Trieste, bagarre in Consiglio sull’emendamento fantasma

Volano gli stracci tra maggioranza e opposizione a proposito degli emendamenti alla legge Omnibus. In particolare uno, il cui testo è finito prima sulla stampa che in aula
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – “E’ vergognoso che l’emendamento alla legge Omnibus che chiude il centro nascite di Palmanova non l’abbia visto nessuno in quest’Aula, ma lo veniamo a sapere dalla stampa, che ce l’ha e l’ha già pubblicato“. E’ Sergio Bolzonello, capogruppo Pd in Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia che si rivolge ad alta voce al presidente dell’aula, il forzista Piero Mauro Zanin, nella seduta pomeridiana. Seduta in cui i consiglieri di maggioranza continuavano a intervenire in massa nella discussione sulla legge Omnibus, cercando di prendere tempo nell’attesa che venisse depositato l’emendamento di giunta che chiude il centro nascita di Palmanova, e “salva” quello di Latisana, entrambe in provincia di Udine. Mentre l’emendamento si trova in tipografia ma non è stato ancora distribuito in aula, ecco che il testo spunta sulle pagine web del Messaggero Veneto. In pochi secondi la tensione in aula esplode.

Bolzonello e il segretario regionale Pd, Cristiano Shaurli, iniziano a protestare con forza e ad alta voce con il presidente del Consiglio. E Zanin tenta una difesa: “Ma c’è anche uno che presenta l’emendamento, prendetevela con chi lo presenta”. Ma oramai è inutile. Bolzonello e Shaurli continuano a urlare, tra il silenzio attonito degli altri consiglieri di maggioranza e opposizione che assistono allo ‘spettacolo’. Zanin sospende la seduta, per la terza volta sinora, e si fa sfuggire un “hanno sbagliato”, riferendosi probabilmente a chi ha fatto trapelare l’emendamento prima alla stampa.

Ma non finisce qui. Shaurli non molla e continua a provocare Zanin, chiedendogli di trovarsi urgentemente un portavoce. Il presidente cerca di ignorare, ma prossimo all’uscita perde le staffe, e si avvicina al banco del segretario regionale Pd, e da qui in poi è tutto un urlo. “Continuate così e scenderete al tre per cento, avete fallito”, fa Zanin. “Siete più prossimo voi al tre percento”, risponde Shaurli.

La seduta riprende mezz’ora dopo, con l’arrivo in Aula di un nuovo gruppo di emendamenti alla Omnibus, tra cui quello incriminato sui centri nascita di Palmanova e Latisana.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»