Rimini, senegalese salva due turiste da stupro. Comune: “Grazie”

L'uomo è accorso quando ha sentito due turiste urlare dalla spiaggia e ha permesso anche l'arresto dell'aggressore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

RIMINI – Ha sventato un tentativo di stupro in spiaggia a Rimini ai danni di due turiste tedesche due sere fa. Si tratta di un uomo senegalese che prima è intervenuto direttamente facendo desistere il “bruto” e poi ha collaborato con le Forze dell’ordine per il suo riconoscimento. E a loro va il plauso dell’amministrazione. “Voglio ringraziare pubblicamente le persone che hanno consentito l’altra notte di sventare un’aggressione in spiaggia nei confronti di due ragazze straniere”, afferma l’assessore alla Polizia municipale, Jamil Sadegholvaad.

Per la tentata violenza è stato arrestato un 36enne rumeno, accusato di violenza sessuali e lesioni. Le due ragazze hanno 24 e 26 anni e una delle due, durante l’aggressione, ha riportato la frattura del metatarso. Il senegalese che le ha salvate vive a Bergamo dove fa l’operaio, ma in questi giorni era in vacanza a Rimini.

“Innanzitutto- aggiunge- il giovane che è accorso alle grida delle donne, intervenendo direttamente per difenderle, e quindi consentendo il riconoscimento successivo del potenziale aggressore”. Si tratta di “un atto coraggioso, davvero di grande valore civico, che va meritevolmente rimarcato per l’alto senso di altruismo e responsabilità”. Sadegholvaad ringrazia anche i Carabinieri che “sono intervenuti immediatamente sul posto, soccorrendo le due ragazze e consegnando alla giustizia quello che pare essere il responsabile”.

Proprio la spiaggia di Rimini, in località Miramare, nell’estate del 2017 era stata teatro di uno stupro brutale ai danni di una turista polacca commesso da quattro giovani stranieri che avevano prima immobilizzato il suo compagno. Nella stessa notte, i quattro avevano anche usato violenza su di una transessuale peruviana. I quattro, dei quali tre minorenni, sono poi stati presi e condannati.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»