La ‘Penna d’oro della Repubblica’ a Liliana Segre

Il premio è un riconoscimento ufficiale della Repubblica Italiana destinato a "coloro che hanno onorato la cultura italiana nelle lettere e nelle discipline morali"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Liliana Segre è la vincitrice del premio Penna d’Oro 2019. Il riconoscimento è stato assegnato su proposta della Fondazione “Premio Ischia – Giuseppe Valentino”, dalla giuria presieduta dal sottosegretario all’Editoria Vito Crimi e composta da Claudio Marazzini (presidente dell’Accademia della Crusca), Emma Dante (drammaturga, attrice e regista teatrale), Fabrizio Salini (amministratore delegato Rai) e Giorgia Abeltino (direttrice generale Public Policy Google Cultural Institute). 

Il premio Penna d’oro fu istituito nel 1957 in memoria del poeta e saggista Giovanni Papini e dal 1960, con Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è divenuto un riconoscimento ufficiale della Repubblica Italiana, destinato a “coloro che hanno onorato la cultura italiana nelle lettere e nelle discipline morali”. 

Negli anni il Premio è stato conferito a celebri esponenti della letteratura italiana come Salvatore Quasimodo, Eugenio Montale, Giuseppe Ungaretti, Carlo Emilio Gadda, Ignazio Silone, Mario Soldati, Alberto Moravia. Negli anni scorsi è stato assegnato a Piero Angela, Simonetta Agnello Hornby, il cardinale Ravasi, Paolo Mieli e Eugenio Scalfari.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»