Ue, l’ironia di Giorgetti: “Io commissario? Mi vogliono fuori dalle palle..”

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, a margine dell'assemblea di Confartigianato, si concede una battuta sul suo possibile futuro da commissario europeo per le imprese e il lavoro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sarà Giancarlo Giorgetti il prossimo commissario europeo italiano che a sentire i vicepremier Di Maio e Salvini dovrà occuparsi di imprese e lavoro? “Ho la vaga sensazione che mi vogliano togliere dai coglioni… il che però non mi dispiace per niente”. Parola del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, uno degli uomini più vicini a Matteo Salvini. Una battuta raccolta dall’agenzia Dire durante un evento pubblico.

Che Giorgetti sia un punto di riferimento nel governo gialloverde lo dimostra anche la giornata di oggi all’assemblea di Confartigianato. Dopo l’intervento dal palco, Luigi Di Maio stringe la mano a Salvini e vola via, senza parlare con nessuno. Il segretario leghista, invece, a fine intervento passa mezz’ora a concedere selfie e abbracci.

E mentre lui si fa immortalare da chiunque, più defilato c’è Giorgetti. In fila dal sottosegretario ci sono quelli che gli chiedono un contatto, che domandano la sua attenzione. C’è una ragazza di Roma che si lamenta della giunta Raggi, c’è il governatore della Lombardia Attilio Fontana che chiede un incontro con Salvini. E poi c’è chi si appella al suo equilibrio politico: “Ma è vero che vai in Europa? Pensaci bene che qui sei l’unico che tiene tutto in piedi…“. E Giancarlo Giorgetti, sorridendo, replica: “Ho la vaga sensazione che mi vogliano togliere dai coglioni…il che però non mi dispiace per niente”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»