Giornale radio sociale, edizione del 18 giugno 2019

Giornale radio a cura di http://www.giornaleradiosociale.it/
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ECONOMIA – Giù al Nord. In Lombardia, i minori che vivono in condizione di povertà relativa sono il 14%. Seppure inferiore di 7,5 punti alla media nazionale si tratta di una questione rilevante e da non sottovalutare, sottolinea il Cnca che lancia delle proposte al governo: dalla convocazione di tavolo tutela sull’affido all’istituzione degli osservatori sulla salute in età evolutiva e sulla disabilità.

DIRITTI – Buone pratiche. Anche i cittadini e le associazioni dei pazienti potranno richiedere al Ministero della Salute l’inclusione nei Livelli Essenziali di Assistenza. Il servizio di Katia Caravello. 

SOCIETA’ – Casa per i papà. È stato presentato a Treviso il primo progetto di cohousing. L’iniziativa, promossa dal Csv provinciale insieme al Comune e una rete di associazioni è pensata per offrire ai padri un sostegno temporaneo all’esigenza di un’abitazione a costo accessibile, in un ambiente dignitoso e adatto ad accogliere e ospitare i figli.

INTERNAZIONALE – Non è vita. Ogni due ore muoiono una donna e sei neonati a causa di complicazioni durante la gravidanza o il parto: è l’allarme lanciato da Unicef in Yemen in un report sulla salute materna e infantile nel Paese. Secondo la direzione generale dell’organizzazione, “decenni di sottosviluppo e anni di intensi combattimenti hanno lasciato sull’orlo del collasso totale i servizi pubblici essenziali”.

CULTURA – Cercavo la fine del mare. Sugli scaffali per l’editore Mimesis un libro di storie migranti raccontate dai disegni dei bambini. Nell’agosto del 2016 Martina Castigliani parte per la Grecia, volontaria nei centri di accoglienza. Un racconto per comprendere il dolore delle persone e l’indifferenza di istituzioni e opinione pubblica. Ai nostri microfoni l’autrice. 

SPORT – Un gol accessibile. Sono sei tifosi gravemente ipovedenti che, grazie all’iniziativa promossa da W il calcio, Istituto dei ciechi Cavazza, Bologna Fc e Figc, hanno potuto assistere alla prima partita degli Europei under 21, in tribuna allo stadio Dall’Ara. Insieme a loro c’erano due volontari che si sono improvvisati cronisti. Si replica domani sempre nella città felsinea per la gara Italia-Polonia.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»