Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Per Salvini la scalinata di Rocky è a Washington e non a Philadelphia, e il web si scatena

La gaffe del vicepremier al Lincoln Memorial insieme all’ambasciatore italiano negli Stati Uniti, Armando Verricchio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il vicepremier Matteo Salvini, in visita negli Stati Uniti, ieri ha visitato il Lincoln Memorial insieme all’ambasciatore italiano negli Stati Uniti, Armando Verricchio e ha ricordato quella volta in cui proprio a “Washington visitammo la scalinata di Rocky”. Un errore non da poco, visto che, come Verricchio ha fatto subito notare al leader della Lega, il film con protagonista Sylvester Stallone era ambientato a Philadelphia.

SALVINI E LA SCALINATA DI ROCKY A WASHINGTON

La gaffe ha subito scatenato l’ilarità del web. “Se la scalinata di #Philadelphia ha qualcosa da dire si candidi, si faccia eleggere e poi vediamo. #Rocky”, scrive un utente riprendendo le parole che uso’ il vicepremier in occasione della richiesta di cittadinanza di Ramy  lo ‘studente- eroe’ dell’autobus dirottato a San Donato Milanese. E ancora, “Salvini confonde #Washington con #Philadelphia. Succede quando non indossa le felpe con i nomi delle città che visita”.

#Rocky l’ha presa bene#Philadelphia pic.twitter.com/7es1FUNnmh

— ʟᴏɢᴀʀɪᴛᴍɪᴄᴏ 1.7 (@LoMassi) 18 giugno 2019

A #Salvini piace #Philadelphia, mica #Washington! pic.twitter.com/daxTmEGVL3

— sandra zingaretti (@sandrazing71) 17 giugno 2019

#Salvini confonde #Washington con #Philadelphia. Succede quando non indossa le felpe con i nomi delle città che visita.

— Giuseppe Giustolisi (@peppegiustolisi) 17 giugno 2019

“Oh ma adesso che siamo a Milano, lo vogliamo andare a vedere sto famoso Colosseo?” #Salvini voleva solo ricordare il grande Totò. #rocky pic.twitter.com/aiEVaCYklF

— Roberto (@robertopullia) 18 giugno 2019

Ci sono le prove: #tonynelly è contagioso.

Daje #Rocky!#facciamorete

— AlbertoSordido (@albmosso) 18 giugno 2019

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»