VIDEO | Raggi a Ostia tra i commercianti, arriva Casapound: “È il tuo ultimo giro”

Denuncia Ferrara (M5s): "Pesanti minacce da cpi, speculano sulla pelle dei cittadini"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “‘Questa e’ la tua ultima passeggiata’, cosi’ hanno minacciato la sindaca. Oggi un gruppo di Casapound e’ venuto a disturbare mentre Virginia Raggi incontrava i commercianti a Ostia. In un momento cosi’ difficile, mentre la gente e’ in difficolta’, queste persone speculano sulla pelle dei cittadini. La solita sceneggiata con minacce pesanti nei confronti della sindaca. Vigliacchi”. Lo scrive su Facebook il consigliere capitolino del M5S, Paolo Ferrara, postando un video della scena nel mezzo di un assembramento di decine di persone.

MINACCE A RAGGI, ANPI: “AGGRESSIONE SQUADRISTA E FASCISTA”

Il comitato provinciale dell’ANPI di Roma “condanna la brutale e violenta aggressione di stampo fascista alla sindaca Virginia Raggi alla quale esprimiamo tutta la nostra solidarieta’ e vicinanza. Guidato da Luca Marsella, un gruppo appartenente a Casapound ha minacciato la Sindaca: questo e’ l’ennesimo episodio di violenza di cui si rende protagonista questo gruppo di squadristi incoraggiati dalla mancanza di provvedimenti nei loro confronti approfittano della crisi per scatenare la loro violenza anche nei confronti delle Istituzioni. Ora basta! La misura e’ colma! Bisogna impedire loro di inquinare la politica, sgomberarli immediatamente dalla nuova occupazione di Ostia e dall’Esquilino. L’Anpi chiama tutti i sinceri democratici ed antifascisti a levare alta la protesta contro questi manipoli di squadristi e le Istituzioni a prendere finalmente provvedimenti definitivi nei loro confronti”. Lo scrive in una nota l’Anpi di Roma.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»