VIDEO | Decaro ‘sonda’ gli acquisti dei baresi: “Cosa ha comprato?”…”Lingerie”

"Sono stato indiscreto, dalla scritta sul sacchetto l'avrei dovuto capire", il commento un po' imbarazzato del primo cittadino
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
BARI – “C’é molto movimento: che Dio ce la mandi buona”. Lo ha detto il sindaco di Bari, Antonio Decaro, nel corso di una diretta Facebook in cui lo si vede passeggiare per il centro città, tra le vie dello shopping. Il primo cittadino sta verificando che le norme anti contagio – come sistemazione dei dispenser di gel igienizzanti mani all’ingresso dei negozi e obbligo di indossare guanti e mascherine – vengano rispettate. Davanti ad alcuni punti vendita ci sono code ma “le persone sono ben distanziate fra loro e indossano le mascherine. Non tutti potranno fare shopping oggi – fa notare Decaro – perché non hanno ricevuto ancora la cassa integrazione”. “Tutto bene? Ritornano piano piano i clienti?”, ha chiesto il sindaco ad alcuni commercianti con cui si é intrattenuto per pochi secondi.” “Piano piano, serve tempo e speriamo che tutto torni alla normalità”, prosegue e aggiunge: “Abbiamo anche i camion in doppia fila o fermi dove non potrebbero ma per oggi lo concediamo”. Decaro si è poi fermato, a debita distanza, con i baresi a cui ha chiesto cosa avessero comprato. “Vediamo, cosa ha comprato?”, ha chiesto a una ragazza che gli ha risposto “della lingerie”. “Sono stato indiscreto, dalla scritta sul sacchetto l’avrei dovuto capire”, il commento un po’ imbarazzato del primo cittadino. Una signora gli ha chiesto di abbracciarlo ma “non si può”. Facciamo col gomito o col piede come fanno i cinesi”. Il sindaco poi si è diretto verso un negozio per comprare un maglioncino blu. “Mi raccomando rispettiamo le regole per evitare che salgano i contagi e che poi dobbiamo richiudere tutto”, l’invito ripetuto in loop a negozianti e clienti. LEGGI ANCHE: 
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»