Musumeci e il retroscena: “Il Governo era diviso. Il ministro Speranza alle 3 di notte non rispondeva”

Il presidente della Sicilia racconta la nottata agitata tra sabato e domenica ma anche i giorni precedenti di discussione tra Regioni e governo sulla riapertura
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – Sulle regole per disciplinare la riapertura di oggi dopo il lockdown “come Regioni abbiamo chiesto autonomia, che significa soprattutto responsabilità e capacità di assumersi l’onere delle conseguenze, ma il governo su questa tesi ha tergiversato e perso qualche tempo“. Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, nel corso del suo intervento a Omnibus, su La7, ritornando con la mente alla trattativa andata avanti nella notte tra sabato e domenica tra l’Esecutivo nazionale e le Regioni sulle linee guida da dettare alle attività commerciali per la ripartenza. “Abbiamo passato una notte insonne nel confronto con Roma e alla fine le linee guida che tutte le Regioni avevano proposto al premier sono diventate materia del decreto – ha spiegato Musumeci -. C’è stato un certo imbarazzo, tutti cercavano a Roma il ministro della Salute che alle 3 di notte non rispondeva“. E sulle regole che regoleranno la riapertura a partire da oggi, Musumeci ha aggiunto: “La verità è che l’Italia non è omogenea dal punto di vista delle esigenze territoriali e del dato epidemiologico. Il Mezzogiorno se l’è passata meglio per una serie di contingenze ma anche per senso di responsabilità degli abitanti e per le misure adottate da chi governa”.

LEGGI ANCHE: Fase 2, De Luca: “Non ho firmato intesa Stato-Regioni, governo scarica su di noi”

“GOVERNO ERA DIVISO, CONFRONTO CON REGIONI DA MARTEDÌ”

Il confronto con il governo” sulle linee guida per la riapertura “non si è definito tutto tra sabato e domenica” ma “è iniziato martedì, quando Conte ha detto che le Regioni erano divise: in tre ore ci siamo riuniti e abbiamo presentato al governo un documento condiviso. A quel punto è stato l’Esecutivo a dividersi”, racconto del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, intervenuto a Omnibus, su La7. “La politica deve assumersi la responsabilità di decidere dopo avere ascoltato il parere scientifico, non può essere uno scienziato a scrivere una norma“, ha aggiunto Musumeci.

LEGGI ANCHE: Fase 2, Bonaccini: “Governo ha fatto bene, ma ora fare di più e meglio”

C’È TENTATIVO DI NEOCENTRALISMO ROMANO

Nella vicenda della discussione tra Regioni e governo sulle linee guida per la riapertura dopo il periodo di lockdown “leggo un tentativo di neocentralismo romano”, ha detto ancora Musumeci, intervenendo a Omnibus, su La7. “Un neocentralismo che pare si stia manifestando in questo momento in maniera più o meno larvata, ma c’è ed è evidente”, ha continuato il governatore. Secondo Musumeci “le Regioni hanno diritto ad avere autonomia perché conoscono più di tutti la realtà del territorio”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»