FOTO | Le balconiadi contro Salvini: da ‘Merluss’ a ‘Bacioni da Sucate’

Ha preso piede in tutta Italia la protesta contro il ministro dell'Interno a colpi di lenzuola appese ai balconi nei luoghi dei suoi comizi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Mentre i sostenitori della Lega e di Matteo Salvini cominciano ad affluire sotto il palco di Piazza del Duomo, Milano si colora di striscioni e lenzuola dedicate al ministro dell’Interno. Una sorta di ‘balconiadi‘, come le hanno ribattezzate sui social network, con un minimo comun denominatore: l’anti-salvinismo.

Napoli, arriva Salvini: striscioni alle finestre e video-sfottò

A Potenza arriva Salvini: ad accoglierlo contestatori e striscioni

“Gli striscioni dai balconi Che magari ti levi dai maroni”, si legge ad esempio. Non e’ esattamente un benvenuto.

La balconite prosegue con inviti dialettiali: da “‘va laura”, a “scarliga merluss”, scivola via merluzzo. “Hai bloccato i barconi, non bloccherai i balconi”, piu’ politico. Animalista la scelta di Maria Cafagna: “Piu’ gattini. Meno Salvini”. Senza pieta’ Luciana Savarese indugia sui traumi infantili del ministro: “A zorro, go home”, scrive. Non mancano le prese di posizione, per cosi’ dire, ‘istituzionali’. I vigili del fuoco della Cgil chiedono “49 milioni di balconi”, e rivendicano: “Siamo professionisti del soccorso, non della propaganda”.

Lenzuola contro Salvini anche a Roma: “Qui non ti vogliamo”

L’Anpi di Brescia presta l’occhio al meteo. “Ci arriva qualche foto da Piazza del Duomo. Piove. Spiace”. Semplice e diretto il messaggio che arriva dai quartieri… della fantasia. “Bacioni da Sucate”, e’ la didascalia a un grosso cuore, che riprende l’inesistente quartiere di Sucate, gia’ luogo di una beffa social alla sindaca Letizia Moratti. I social amplificano in modo se possibile ancora piu’ irriverente. A cominciare dall’hashtag in testa alle tendenze, un Salvinibaciamilano, che nasconde un gioco di parole.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»