Pd, Martina e Nannicini: “Mai più lavoratori a tempo pieno sotto i mille euro”

Piu’ di 2 milioni di dipendenti ricevono salari sotto i minimi contrattuali stabiliti dalla contrattazione collettiva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Un lavoratore a tempo pieno non puo’ prendere meno di 1000 euro al mese. Un lavoro onesto richiede una paga onesta. Per legge”. È la proposta del Partito democratico annunciata oggi da Maurizio Martina e Tommaso Nannicini in un articolo su La Stampa.
“Un salario minimo- proseguono Martina e Nannicini- fissato dalla commissione di cui facevano parte anche sindacati e organizzazioni datoriali.

Un salario minimo che valga per chi non e’ coperto dalla contrattazione nazionale, compresi i nuovi fattorini dell’economia digitale, a cui vogliamo aggiungere le tutele del lavoro subordinato come abbiamo fatto con le finte collaborazioni. Il salario minimo accompagnato da una legge sulla rappresentanza che faccia propri i criteri condivisivi delle parti sociali, anche linea con il ‘Patto per la fabbrica’”.

In tutto cio’ “vogliamo contrastare- concludono Martina e Nannicini- la concorrenza sleale sui salari che puo’ arrivare dai contratti pirata, dai lavoratori distaccati, dalle cooperative spurie, dai lavoretti sottopagati. Piu’ di 2 milioni di dipendenti ricevono salari sotto i minimi contrattuali stabiliti dalla contrattazione collettiva, senza contare le finte partite Iva. Un record in Europa, dove 22 paesi sul 28 hanno un salario minimo stabilito per legge”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»