Coronavirus, fonti di Palazzo Chigi: “Fughe in avanti su riaperture alimentano il caos”

"In questi momenti invece e’ indispensabile la collaborazione responsabile di tutti”
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “In questi giorni e nelle ultime ore circolano numerose ipotesi, con tanto di date, sulle possibili riaperture nel Paese. In alcuni casi si tratta di ipotesi che non hanno alcun tipo di fondamento, in altri di ipotesi che sono ancora allo studio e quindi non possono essere in alcun modo considerate definitive”. Lo fanno sapere fonti di Palazzo Chigi. “In questo momento- aggiungono- il governo, coadiuvato dal comitato tecnico scientifico e dalla task force di esperti, sta lavorando per la fase due e solo quando avra’ terminato i lavori comunichera’ in maniera chiara i tempi e le modalita’ di allentamento del lockdown, cosi’ da dare agli italiani un’informazione certa. Anticipazioni, indiscrezioni e fughe in avanti – in un momento tanto delicato – rischiano di alimentare caos e confusione. In questi momenti invece e’ indispensabile la collaborazione responsabile di tutti”

LEGGI ANCHE: Sondaggio Dire-Tecnè: Italia spaccata sulla ‘fase 2’ dell’emergenza coronavirus

VIDEO | La fase 2 a San Vito Lo Capo, sindaco annuncia un brand di sicurezza per i turisti

Fase 2, Bonaccini: “Bar e ristoranti devono stare chiusi”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»