Maturità 2020, cambia la composizione della commissione

Sarà formata da sei commissari interni e dal presidente esterno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Cambia la composizione della commissione dell’Esame di Stato del secondo ciclo. La ministra Lucia Azzolina ha firmato ieri sera l’ordinanza, attuativa del decreto legge del 6 aprile su Esami e valutazione, che, in ragione dell’emergenza coronavirus e dell’impatto che ha avuto sulla scuola, prevede, per quest’anno, una commissione formata da 6 commissari interni e dal presidente esterno. “In questo modo- spiega la ministra- gli studenti saranno valutati da docenti che conoscono il loro percorso e quanto realmente fatto durante questo particolare anno scolastico. Vogliamo un Esame di Stato vero, serio, ma che tenga conto anche delle difficolta’ affrontate a causa dell’emergenza ancora in atto”, spiega. I presidenti saranno nominati dagli Uffici scolastici regionali, i commissari dai consigli di classe. Nella composizione della commissione si terra’ conto dell’equilibrio fra le varie discipline di ciascun indirizzo. In ogni caso, sara’ assicurata la presenza del commissario di Italiano e di uno o piu’ commissari che insegnano le discipline di indirizzo.

LEGGI ANCHE: Coronavirus. Dl Scuola, dalla maturità alle assunzioni: ecco cosa prevede

Coronavirus, ok a decreto scuola: colloquio per la maturità e niente esami di terza media

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»