Crrsm, da Mdsi-Rete esposto contro segretario di stato Celli

[caption id="attachment_21862" align="alignleft" width="300"] Simone Celli[/caption] SAN MARINO - L'affaire Cassa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Simone Celli

SAN MARINO – L’affaire Cassa di Risparmio e del suo nuovo Cda passa in mano ai magistrati. Questa mattina infatti i legali rappresentanti del Movimento Democratico San Marino insieme e del Movimento Civico Rete, rispettivamente Augusto Gasperoni e Gloria Arcangeloni, hanno depositato in Tribunale, consegnandolo al cancelliere penale, un esposto con allegati in cui “segnaliamo una serie di possibili addebiti- spiega il capogruppo di Rete, Roberto Ciavatta- che imputiamo al segretario alle Finanze, Simone Celli e su cui la magistratura farà le necessarie verifiche”. Nell’esposto, precisa Ciavatta, sono indicati “alcuni elementi che hanno rilevanza per la tutela dell’Ecc.ma Camera- prosegue- in relazione alla convocazione di questa mattina del Cda di Cassa di Risparmio“.

Convocazione che, secondo i civici, è stata fatta “da una persona che non ha i requisiti indicati dal governo“. Ovvero, i movimenti si riferiscono alla nomina di Nicola Romito quale presidente del Cda della banca, coinvolto in un procedimento giudiziario in Italia e pertanto, contestano i civici, non corrispondente ai requisiti di onorabilità richiesti. Ma non solo: Ciavatta spiega che un altro elemento rilevato nell’esposto è la mancanza di un membro del Cda nominato dalla minoranza. “È stato di fatto negato all’opposizione di dare nome a un proprio rappresentante– sottolinea il capogruppo- chiamato al controllo dell’operato del governo”. In sostanza, Mdsi e Rete contestano una serie di vizi formali “ma anche una serie di indicazioni con rilevanza penale- puntualizza Ciavatta- o che potrebbero averla, sarà la magistratura a verificarlo”. Domani in Consiglio grande e generale, all’apertura del comma dedicato proprio a Cassa di Risparmio, i consiglieri dei movimenti chiariranno l’iniziativa odierna, assicura infine il capogruppo, nel rispetto del segreto istruttorio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»