Prima telefonata di Del Grande dalla Turchia: “Inizio lo sciopero della fame”

"Invito tutti a mobilitarsi per chiedere che vengano rispettati i miei diritti", ha detto in una telefonata alla sua compagna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  –  Gabriele Del Grande, giornalista e blogger detenuto da giorni in Turchia, è riuscito a fare la prima telefonata a casa. Dopo nove giorni di isolamento ha chiamato la compagna Alexandra D’Onofrio.

“NON POSSO NOMINARE UN AVVOCATO”

“Da stasera inizio lo sciopero della fame e invito tutti a mobilitarsi per chiedere che vengano rispettati i miei diritti”, ha detto.

“I miei documenti sono in regola, ma non mi e’ permesso di nominare un avvocato, ne’ mi e’ dato sapere quando finira’ questo fermo – ha aggiunto -. La ragione del fermo e’ legata al contenuto del mio lavoro. Ho subito interrogatori al riguardo. Ho potuto telefonare solo dopo giorni di protesta”.

Il documentarista fermato il 9 aprile scorso ad Hatay, al confine tra Turchia e Siria, ha detto di stare bene. “Non mi e’ stato torto un capello ma non posso telefonare, hanno sequestrato il mio cellulare e le mie cose, sebbene non mi venga contestato nessun reato”. Mentre telefonava ha raccontato di essere circondato da quattro poliziotti.

“Non mi e’ stato detto che le autorita’ italiane volevano mettersi in contatto con me”, ha proseguito Del Grande.

“E’ la prima telefonata che gli e’ stato concesso di fare da domenica 9 aprile, quando e’ stato fermato – rendono noto la compagna Alexandra D’Onofrio e i compagni di viaggio di ‘Io sto con la sposa’ -. Il giornalista era in Turchia dal 7 Aprile. Ai familiari Gabriele ha raccontato: “Mi hanno fermato al confine, e dopo avermi tenuto nel centro di identificazione e di espulsione di Hatay, sono stato trasferito a Mugla, sempre in un centro di identificazione ed espulsione, in isolamento”. (www.redattoresociale.it)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»