Bologna, il sindaco Merola “vieta” i cellulari durante le riunioni di Giunta/VIDEO

"Quando si discutono i provvedimenti per la città c'è bisogno di concentrarsi", dice Merola
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Stop all’uso di cellulari e soprattutto chat durante le riunioni della Giunta comunale di Bologna. Il sindaco di Bologna richiama all’ordine gli assessori, perchè quando si discutono i provvedimenti da attuare per la città “credo ci sia bisogno di concentrarsi“. Meno distrazioni, dunque. “Consiglio, quando si è in Giunta, di staccare i cellulari“, afferma Merola, oggi a margine della firma del Patto di collaborazione sui diritti Lgbtqi. Insomma, durante le riunioni “si depongano le armi, perchè è importante lavorare insieme e non far sapere dove si è ogni minuto della propria vita”, manda a dire il primo cittadino.

Lo spunto arriva dal coinvolgimento di alcuni assessori in gruppi chat promossi dai comitati della zona universitaria, come scritto sulle pagine bolognesi di ‘Repubblica’. E sul tema chat, Merola passa dal “consiglio” ad una raccomandazione più stringente. “Sottolineo che è una battuta: io non uso le chat perchè sono un uomo di potere. Detto questo- dichiara il sindaco- mi auguro, anzi darò disposizione, che quando si entra in Giunta si chiudono le chat perchè credo ci sia bisogno di concentrarsi. Poi uno praticherà i modi che ritiene più opportuni da questo punto di vista”. Più in generale, l’uso delle chat come WhatsApp come strumento di segnalazione dei problemi e di comunicazione tra cittadini e istituzioni “è una frontiera da sperimentare”, sottolinea Merola: “Ci saranno problemi di privacy, ci sarà qualche autorità che sarà d’accordo o meno. Bisogna un po’ sperimentare”, perchè “se non si va, non si vede”.

di Maurizio Papa, giornalista professionista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»