Per la rottura dell’aorta addominale in Italia 6mila decessi l’anno

Per aneurisma dell’aorta addominale (Aaa) si intende una dilatazione segmentale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

aneurisma-addominale-sintomi-cause-rimedi

Per aneurisma dell’aorta addominale (Aaa) si intende una dilatazione segmentale dell’aorta addominale eccedente del 50% il normale diametro del vaso. La sua rottura è spesso letale e tra i pazienti che arrivano ancora vivi in centri qualificati la mortalità rimane altissima (tra il 25-50%), mentre sono i soggetti di sesso femminile a mostrare una mortalità più elevata. In Italia la rottura dell’Aaa è un evento che causa 6mila morti ogni anno: in particolare, l’80% dei pazienti muore prima di arrivare in ospedale, dove la mortalità degli interventi eseguiti in emergenza è del 50%. Tale rischio, al contrario, si riduce al 3% quando l’intervento può essere fatto in elezione. Sono alcuni dati forniti dalla Siapav (Società italiana di Angiologia e Patologia Vascolare).

“L’aneurisma dell’aorta addominale- fa sapere la società- ha un’incidenza stimata nella popolazione generale tra il 4 e l’8%. L’evoluzione naturale è la rottura, un evento drammatico che ha una mortalità enorme (80-90%), considerando anche le morti prima di arrivare in ospedale; al contrario, se viene diagnosticato e trattato prima della rottura le possibilità di successo si avvicinano al 97-98%. Ancora oggi, tuttavia, continuano ad arrivare in pronto soccorso persone con aneurismi rotti o fissurati di 8-10 cm di diametro di cui non sapevano nulla. La stragrande maggioranza sono individui ben al di là negli anni, quasi sempre con più fattori di rischio cardio-vascolari, che certamente avrebbero meritato di sottoporsi ad un esame ecografico dell’addome”.

Da questi dati della Siapav deriva l’esigenza “di identificare gli aneurisma dell’aorta addominale (Aaa) e trattarli prima che si rompano. L’Aaa- spiegano dalla società- è causato da un processo degenerativo (prevalentemente di tipo aterosclerotico), coinvolgente tutti gli strati della parete aortica. Si conoscono alcuni fattori di rischio non modificabili: età avanzata, sesso maschile e familiarità. A partire dai 50 anni negli uomini e tra i 60 e i 70 nelle donne, l’incidenza di Aaa aumenta significativamente per ogni decade d’età”. Il rischio di sviluppare un Aaa, poi, è di circa “4 volte maggiore nel sesso maschile rispetto al sesso femminile- aggiunge la Siapav- la familiarità inoltre comporta un rischio di circa 4 volte superiore. Tra i fattori di rischio modificabili il fumo è il principale; altri fattori di rischio sono ipertensione, ipercolesterolemia, obesità e preesistente arteriopatia occlusiva. Il diabete mellito, viceversa, riduce il rischio. La prevalenza dell’Aaa era stimata del 4-8% nella popolazione maschile tra i 65 e gli 80 anni. Dati più recenti mostrano una prevalenza minore (2,2%), probabilmente grazie alla progressiva modificazione dei fattori di rischio- concludono gli esperti- in particolare il fumo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»