Il porceddu mette le ali, il maialino sardo vola verso l’Expo

ROMA - Il primo studio sull’Expo nel piatto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

porceddu ciboROMA – Il primo studio sull’Expo nel piatto con le curiosità provenienti da tutto il mondo che saranno presenti per la prima volta in Italia, sarà diffuso martedi’ 21 aprile alle ore 9,30 area partenze Aeroporto Mario Mameli di Cagliari-Elmas in occasione della spedizione dopo anni di divieto del primo maialetto sardo ‘porceddu‘, grazie ad una deroga speciale per l’appuntamento di Milano, che sarà salutata con una grande festa e degustazione per tutti i viaggiatori.

Grazie all’intesa tra Ministero della salute e Regione Sardegna, fortemente sostenuta dalla Coldiretti, i maialini precotti potranno varcare i confini dell’isola per l’esposizione o la degustazione esclusivamente nell’ambito della manifestazione milanese. Un risultato importante per gli allevatori sardi ma anche per i visitatori di Expo che potranno apprezzare uno dei prodotti piu’ rappresentativi della tradizione gastronomica nazionale. La forza che muove i visitatori verso l’Expo è il cibo al quale dedicano la maggior parte del budget previsto per l’evento che infatti è anche una opportunità unica per conoscere cibi, piatti e bevande da tutto il mondo mai arrivate prima d’ora in Italia, grazie a specifiche deroghe previste a livello internazionale come emerge dallo studio della Coldiretti. Per salutare l’evento tanto atteso sarà presente il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo e tutta la Giunta nazionale insieme ai vertici regionali.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»